PS5Recensione

Jujutsu Kaisen: Cursed Clash – Recensione

Jujutsu Kaisen: Cursed Clash – Recensione

Jujutsu Kaisen: Cursed Clash si tratta del primo adattamento videoludico dell’anime manga che porta lo stesso nome prodotto da Gemdrops in collaborazione con Byking Inc. e distibuito da Bandai Namco.  La grafica e la direzione artistica si sono fatte ammirare sin dal primo filmato del gioco. Nel gioco viene raccontata la storia della prima stagione dell’anime e le storie di Jujitsu Kaisen.

Andiamo a vedere se il team ha svolto un buon lavoro.

Chi è Yuji Itadori

Yuji Itadori è un giovane liceale che accidentalmente ingoiò un oggetto maledetto. Questo oggetto era il Dito di Sukuna. Dopo aver ingoiato questo oggetto viene trasformato in un vaso del Sukuna che era il Re delle Maledizioni, viene fatto prigioniero dagli stregoni Jujitsu e sorvegliato 24/24.
Giorno dopo giorno deve tentare di abituarsi ad avere il Re delle Maledizioni dentro di se e viene iscritto alla Tokyo Jujitsu High.

Jujutsu Kaisen Cursed Clash

Comincio subito col dire che mi sono sentita un pò in una bolla, ogni mossa, attacco mancato, schiavata ecc aveva un tempo di recupero troppo lungo. I giocatori più esperti e determinati ovviamente studiano i dati dei frame di deteminate mosse e le abilità dei personaggi per usare i migliori. Io ne ho provati alcuni e non ho notato molte differenze sotto questo aspetto. Al momento stesso, come in ogni gioco di combattimento, bisogna cogliere alla sprovvista l’avversario e sferrare i nostri attacchi. Jujutsu Kaisen: Cursed Clash – Recensione

Grafica

La direzione artistica è probabilmente tra le migliori che ho visto nei gioci di combattimento anime. Si tratta di adattamenti 1:1 dei personaggi in 3D, con l’aggiunta di tantissime personalizzazioni che possiamo sbloccare. Non sono sicura che troverete dei server popolati o giocatori attivi a causa dell mancanza del crossplay su tutti i dispositivi SIX su cio è stato rilasciato. Abbiamo a disposizione le battaaglie CPU offline.

L’adattamento dei personaggi del manga/anime illustrato a un gioco 3D è eccezionale. Il cast di personaggi è stato modellato accuratamente e c’è un grande guardaroba disponibile per ogni personaggio, tonnellate di costumi alternativi e tavolozze di colori varie da sbloccare.

I doppiatori dell’anime sono presenti nei loro ruoli e troviamo anche varie battute vocali sparse anche nei menu, andando online e guardando verso la lobby,nel negozio, nella galleria e anche nelle impostazioni. Tutto ciò da un tocco in più e dona un certo fascino al gioco.

Il team è riuscito a riportare combattimenti e personalità dei personaggi con le mosse dei personaggi dall’anime al gioco in modo eccellente, ma purtropo manca profondità. Il gameplay risulta goffo e le mosse sono limitate.

Abbiamo varie modalità giocaabili e sono: Contro Online, Co-op Online, Lobby Online, Modalità Storia, Battaglia Libera, Negozio, e infine Galleria.

Modalità Storia

Qui nel filmato introduttivo vediamo Yiji seduto nel treno che vede l’immagine di Sukuna dal finestrino e ci sono vari sguardi tra i due, la scena si ripete in loop.

Il gioco inizia subito con la lotta tra Yuji e il primo demone. Dopo una sequenza animata vediamo alcune sequenze accompagnate al testo e Gojo incita il nostro Yuji ad addestrarsi. Questa battaglia funge da tutorial e ci illustra alcune tecniche tra cui scatto, salto e doppi salti, schivate e attacchi. Abbiamo a disposizione l’energia malefica che ci serve per esorcizzare le maledizioni e per fare più danni. La possiamo vedere nella barra in basso, posizionata sotto la barra della salute. La barra si ricarica man mano che attacchiamo ed è divisa in caselle. Effettuando un attacco potente possiamo anche realizzare un espansione del dominio, la Mossa del Risveglio che reputo molto utile e potente per concludere gli incontri.

Possiamo anche scegliere di rivivere la storia andandola a guardare nel Registro Partite e troviamo anche a disposizione la tabella Relazioni dove possiamo vedere i rapporti tra i vari personaggi. Quest’ultime vengono sbloccate man mano che avanziamo nella storia e ci mostrano sia la fiducia che l’ostilità che c’è fra i personaggi.

Le missioni vengono giocate in ordine cronologico e ognuna ha i suoi incarichi da portare a termine per poter completare la missione. Vi porto un esempio, in una mi è capitato di dover mettere a segno una tecnica ben precisa varie volte consecutive.

La modalità storia del gioco non offre nulla di nuovo, possiamo dire che è un romanzo visivo con delle screencap dirette di scene dell’anime con narrazione scritta o doppiaggio. Non ci sono nuove immagini ne nuovi ritmi della storia ma vengono rimaneggiati i media animati di JJK gia esistenti.

Gameplay

Come ho gia detto il gameplay risulta goffo e le mosse limitate, è molto rigido e ogni azione ha un peso e ha slancio dietro che subito dopo vacilliamo. Se manchiamo un pugno o un calcio ci impieghiamo qualche istante prima di poter fare un’altra cosa e nel frattempo siamo vulnerabili. Sembra un pò troppo rigido e manca di fluidità e intensità che in genere vediamo nei manga.

Alcuni attacchi sono troppo veloci da poterli schivare o prevederli. Le combo sono una pressione veloce del tasto corrispondente ai pugni. Dobbiamo avvicinarci rapidamente o cautamente all’avversario per cercare di sorprenderlo. Se subiamo un attacco combinato cadiamo e spesso non possiamo proprio evitarlo, il che è molto frustrante. Se giochiamo con più personaggi insieme possiamo dare dei comandi ai nostri alleati per avere aiuto. Se attacchiamo lo stesso nemico del nostro alleato possiamo generare un bonus cooperazione cosi da aumentare l’energia malefica.

Qualche volta sono riuscita a effettuare una tecnica di attacco combinato, il mio avversario barcollava e non si poteva muovere. Se un nostro alleato nel frattempo mette a segno una tenica viene rilevata come attacco combinato. Non ci sono limiti di combinazioni nella stessa lotta.

Altre modalità

Lobby Online, si gioca con dei membri prestabiliti, possiamo creare la nostra lobby e specificare lo stile di gioco usato. Prima di iniziare possiamo scegliere lo stile il tipo di battaglia, classifica o amichevole.

Ci sono varie modalità da scegliere e sono molto specifiche che, se ci sono tanti partecipanti, ci permetteranno di scegliere con precisione l’attività che vogliamo. Possiamo porre il limite al lottatore, possiamos scegliere se vogliamo un esperto o un principiante, se vogliamo solo livellare il nostro personaggio e quindi scegliere Allenamento, Grind o aumento di grado. Inoltre ci viene data anche la possibilità di scattare foto e trovare nuovi amici o di limitare l’accesso fino a 4 persone. Le possibilità che ci offre il gicoo sono tante ma il menu non è molto chiaro.

Co-op Online

Nella Co-op online possiamo fare squadra con altri giocatori per affrontare un combattimento con regole speciali, Infatti bisogna completare incarichi e sconfiggere i nemici insieme al nostro alleato.

  • Se scegliamo le battaglie rapide ci troviamo a giocare in un combattimento ad ondate.
  • Invece le battaglie sopravvivenza hanno in più delle ondate di nemici più forti.

Durante la co-op online possiamo fare un patto vincolante in cui poniamo dei limiti ad azioni e statistiche, aumentandone altre. Grazie a questo possiamo usare i punti di recupero ottenuti nelle missioni e dare un pò di salute al nostro personaggio durante le ondate.

La cosa che meno mi è piaciuta è che gli attacchi che effettua il nostro alleato verso i nemici possono recare danno anche a noi. Abbiamo il nemico difronte e non possiamo raggiungerlo in modo rapido nella direzione opposta al nostro alleato quindi se attacchiamo ne noi ne lui può evitare il fuoco “amico”.

Personaggi

Il gioco ha 16 personaggi giocabili e con i prossimi DLC ne verranno aggiunti altri. I personaggi sono: Yuji Itadori, Ryomen Sukuna, Megumi Fushiguro, Nobara Kugisaki, Satoru Gojo, Maki Zen’in, Toge Inumaki, Panda, Kento Nanami, Aoi Todo, Yuta Okkotsu, Suguru Geto, Mahito, Jogo, Hanami, Eso & Kechizu.

La diversità dei personaggi ha un ottimo potenziale, ma purtroppo manca la profondità. Molti personaggi hanno degli stili di gioco diversi in base alle tecniche utilizzate nei materiali originali. Purtroppo però le mosse sono limitate e la maggiorparte condivide le stesse tecniche di estrazione e gli stessi attacchi base.
Invece per quanto riguarda le loro Tecniche di energia maledetta e le mosse speciali sono differenti, anche nelle mosse risvegliate e in quelle definitive. Le mosse definitive possono essere usate solo una per volta in ogni battaglia.
Ogni perssonaggio ha a disposizione due tecniche di Energia maledetta e una mossa risvegliata.

Personalizzazione

Sono presenti alcune modalità di personalizzazione. Infatti man mano che sconfiggiamo i nemici o completiamo le missioni nella modalità storia vengono sbloccati dei costumi e ci vengono dati dei punti Juju. Questi punti sono utili per acquistare altri costumi e oggetti da utilizzare nella scheda giocatore e pe le battaglie in co-op. Possiamo cambiare il personaggio, lo sfondo,e il nostro slogan. Per lo slogan ci sono dei mersaggi precompilati e personalizzati per ogni personaggio.

Inoltre nel negozio ci sono anche delle casse sigillate, il contenuto delle casse è casuale. All’interno di queste casse possiamo trovaare anche degli oggetti che già possediamo, in questo caso l’oggetto si trasforma in punti Juju. Per acquistare determinate cose ci vogliono un bel pò di punti.

Crossplay

Il crossplay è un must oggi come oggi qui invece manca ed è una pecca che on possiamo non citare. Anche se il gioco è disponibile su tutte le piattaforme la mancanza del crossplay si sente, infatti non è detto che riusciate a trovare dei giocatori online nel momento in cui proverete. Almeno io, non ne ho trovate tante.

Sonoro

Le musiche raggiungono livelli accettabili anche se non riescono a raggiungere il livello dei temi principali. Lo stile è semplice, non c’è la soundtrack principale. Jujutsu Kaisen: Cursed Clash – Recensione

Mi aspettavo di più, ci speravo, ma sembra un prodotto realizzato in fretta.

Conclusione

Jujutsu Kaisen Cursed Clash graficamente è eccellente ma manca molto di profondità, lo stesso vale per le performance del cast vocale. I modelli dei personaggi sono molto accurati e dettagliati. Il gameplay è deludente e molto probabilmente molti preferiranno guardarsi gli enime anziche giocarlo. Il combattimento 2v2 sono più divertenti ma mai profondi o appaganti al lungo termine. La storia si è rivelata una sorta di rivisitazione tradotta in un romanzo visivo, un copia e incolla con screenshot letterali dell’anime. La pecca più grande per un gioco simile è la mancanza del crossplay su tutti i dispositivi. Sono felice che in questo gioco abbiano voluto riportate immagini e scene dell’anime ma mi aspettavo di più, speravo in qualcosa di più corposo, purtroppo sembra un gioco realizzato velocemente e che no ha ricevuto le giuste attenzioni . Jujutsu Kaisen: Cursed Clash – Recensione

Jujutsu Kaisen: Cursed Clash – Recensione

Giovanna

Sono appassionata di videogames, gioco da circa 13 anni, possiedo tutte le console,amo i giochi che riescono a coinvolgermi e sono impegnativi, tra i miei preferiti c'è Zelda, Assassin creed e Uncharted. Amo serie tv e film soprattutto horror, sono appassionata di libri horror, thriller e fantasy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.