PS5Recensione

Final Fantasy XVI – Alla scoperta dell’espansione “The Rising Tide” – Recensione

Final Fantasy XVI – Alla scoperta dell’espansione “The Rising Tide” – Recensione

Guardando la line up di titoli disponibili su PlayStation 5, Final Fantasy XVI è senz’altro una produzione che balza all’occhio, ed è al momento ancora usufruibile solo sulla console di punta targata Sony. La ragione è semplicissima, Final Fantasy XVI rientra in una partnership stretta di collaborazione fatta dalla stessa Sony in collaborazione con Square Enix. Pubblicata lo scorso anno, precisamente il 22 giugno 2023, Final Fantasy XVI è riuscito a conquistare una buona fetta di appassionati in giro per il mondo, riuscendo addirittura a superare in termini di vendita al lancio il recentissimo Final Fantasy VII Rebirth.

Dietro questo affascinante progetto si cela il talentuoso team di sviluppo capitanato da Naoki Yoshida, uomo di punta di Square Enix. Nel corso degli ultimi anni, Yoshida è riuscito a risollevare Square Enix conquistando risultati impressionanti con Final Fantasy XIV, un titolo sorprendente, che riesce ancora oggi a collocarsi tra le esperienze migliori disponibili sul mercato, in attesa della sua prossima espansione dedicata.

final fantasy xvi the rising tide

Tornando a parlare di Final Fantasy XVI, in questa circostanza noi di Next Player recensiremo per voi niente meno che l’ultimo DLC dedicato intitolato “The Rising Tide”, l’ultima espansione aggiuntiva dedicata a questa straordinaria esperienza ludica. Tale contenuto aggiuntivo è disponibile dal 18 aprile 2024 ed è acquistabile sia singolarmente che tramite il pass di espansione su PlayStation 5.

Una richiesta misteriosa 

The Rising Tide, l’ultima espansione di Final Fantasy XVI presenta al giocatore una narrativa sorprendente e allo stesso tempo molto coinvolgente. Pesando bene le parole per non cadere in inutili spoiler che possano minare la vostra esperienza di gioco, in questo contenuto aggiuntivo andrete alla ricerca del misterioso Dominante di Leviatano, l’Eikon perduto che nel viaggio di Clive fino ad ora era misteriosamente scomparso.

The Rising Tide

La vostra missione inizierà all’improvviso, quando precisamente una lettera anonima giunge al rifugio, portando con sé una richiesta del tutto inaspettata: ovvero il Dominante di Leviatano ha bisogno di essere salvato prima che sia troppo tardi.

Un incipit enigmatico, che porterà Clive e il suo intrepido gruppo di avventura nella remota terra di Mysidia, un luogo nascosto agli occhi della gente comune ma che torna alla ribalta proprio in questo istante. The Rising Tide è un’esperienza brillante, che, dopo il precedente DLC “Echoes of the Fallen”, riesce a coinvolgere maggiormente il giocatore, con una narrativa costruita perfettamente.

Mysidia, una nuova fantastica terra

In The Rising Tide, il giocatore visiterà per la prima volta la terra di Mysidia. Questo luogo in realtà è una delle poche regioni degli ex territori settentrionali a essere lussureggiante e ricca di vita. Un secolo prima la regione venne abbandonata dopo il fallito tentativo del governo di lanciare un incantesimo che arrestasse immediatamente il decadimento del cristallo madre, Occhio di Drago.

The Rising Tide

A distanza di anni, questa terra viene reclamata dai Semi Dell’Acqua, una nuova comunità che si stabilisce in pianta stabile in questo luogo. In questa avventura, Clive insieme ai suoi compagni fa la conoscenza di Shula, la tributaria di Mysidia, una misteriosa donna, che lei in prima persona, vuole il nostro aiuto per liberare Waljas dalla prigionia creata dai suoi antenati.

Anche in questo contesto preferiamo fermarci per non rovinarvi l’esperienza di gioco. La longevità di The Rising of Tide è tutto sommato soddisfacente, in quanto il team di sviluppo è riuscito ad assestarla intorno alle 10 ore circa contando naturalmente anche le quest secondarie, che ampliano non di poco l’offerta di gioco.

Un gameplay consolidato che accoglie diverse novità

Analizzando la componente del gameplay proposta da questa espansione, come potrete immaginare tutto rimane pressoché immutato mantenendo la struttura di gioco proposta nell’avventura base di Final Fantasy XVI. La grande novità però di The Rising of Tide è senz’altro la possibilità di utilizzare le fantastiche abilità di Leviatano, l’eikon perduto. Dopo aver acquisito i poteri del Leviatano, Clive avrà modo di poter utilizzare determinate abilità che verranno sbloccate non appena completerete un’apposita missione.

The Rising Tide

Sintonizzarsi con il Leviatano non solo cambia l’aspetto elementale degli incantesimi di Clive, ma anzi permette pure di accedere a diverse potenti abilità come il “Flusso Incrociato”, un getto d’acqua che colpisce i nemici da diverse angolazioni. Un altro affascinante talento è senz’altro “Grido del Serpente”. Tale abilità si può utilizzare per invocare un serpente acquatico sul braccio sinistro di Clive che è in grado di colpire i nemici a grandi distanze.

Queste sono solo due delle abilità disponibili con l’eikon del Leviatano e sarete voi a scoprire le altre, cosi non vi perderete la sorpresa. Gli sviluppatori anche in questo caso hanno svolto un lavoro brillante nel riuscire ad implementare al meglio il potere del Leviatano, che riesce ad amalgamarsi perfettamente con lo stile di gioco.

Requisiti per potere accedere a The Rising Tide

Questo nuovo contenuto aggiuntivo a pagamento sarà disponibile solo dopo aver sbloccato “Origine” come destinazione sulla mappa del mondo e dopo aver completato con successo la missione “Inestimabile”. Per completare la missione “Inestimabile” dovrete aver completato le seguenti missioni che sono:

  • Una stoffa fondamentale
  • Altruismo eccessivo
  • Le ultime volontà
  • Ritorno all’Origine

The Rising Tide

Dopo aver raggiunto con successo la missione “Ritorno all’Origine” e aver parlato con Jill, la missione “Inestimabile” sarà disponibile nel rifugio di Clive. Prestate particolare attenzione a questo passaggio perché se nel caso non abbiate completato queste missioni non avrete modo di giocare l’espansione The Rising Tide. Questo contenuto aggiuntivo sarà avviabile tramite una missiva che riceverete presso il vostro rifugio.

Contenuti extra davvero interessanti

Non appena avrete finito l’espansione “The Rising Tide”, il gioco vi permetterà di affrontare niente meno che il Portale di Kairos. Questa modalità vedrà inoltrarsi Clive nei circoli degli inferi dove dovrà affrontare ondata dopo ondata nemici di diverso tipo.

Come nella modalità arcade disponibile già nel gioco base, le prestazioni delle discese di Clive saranno valutate con punti conferiti in base alla varietà di tecniche di combattimento utilizzate, ai danni inflitti e tanto altro ancora. Una notevole modalità che vi consigliamo assolutamente di provare, che spingerà il giocatore a migliorarsi sfruttando determinati punti che otterrete nel corso di questa modalità.

Infine, se avrete completato sia il precedente DLC, Echoes of the Fallen insieme all’attuale e battuto con successo il boss finale di Final Fantasy XVI, ricaricando il salvataggio riceverete un potere davvero straordinario che non vi sveliamo assolutamente visto che è una delle sorprese presenti in The Rising Tide.

Comparto tecnico

Tecnicamente The Rising Tide è davvero impressionante. Questa nuova espansione brilla su PlayStation 5, e come l’avventura principale di Final Fantasy XVI anche in questo caso siamo rimasti piacevolmente soddisfatti della qualità adottata dal team di sviluppo nel confezionare questo DLC dedicato. Al netto di tutto, The Rising Tide si difende piuttosto bene, con caricamenti rapidi e un comparto sonoro impreziosito da tracce realizzate dal leggendario Masayoshi Soken.

In fase di recensione comunque non abbiamo constatato nessun tipo di problematica potesse minare la nostra esperienza di gioco, dove gli sviluppatori ribadiamo ancora una volta hanno svolto un lavoro egregio nell’ottimizzare al meglio questo contenuto aggiuntivo. Anche in questa circostanza constatiamo come questo contenuto aggiuntivo su PlayStation 5 sfrutta appieno ogni potenzialità della console di punta Sony, come del resto abbiamo avuto già modo di constatare nell’esperienza base di questo capitolo di Final Fantasy.

Conclusione

The Rising Tide è un’espansione soddisfacente, con una narrativa brillante che approfondisce diversi lati narrativi lasciati assopiti nella trama principali di Final Fantasy XVI. Dal canto nostro vi consigliamo assolutamente quest’ultima espansione, che introduce diverse novità tra cui nuove abilità tutte da scoprire e un interessante modalità che amplierà non di poco il divertimento offerto da questo DLC.

Final Fantasy XVI The Rising Tide

 

Tsubasa

Alessandro, in arte Tsubasa88. Intorno ai 10 anni riceve a Natale da sua nonna come regalo un Game Boy Pocket con Super Mario Land. Fan dalla prima ora di Super Mario, per tutta la sua vita Nintendo ha rappresentato un'autentica passione proseguita con il NES, continuata con il Super Nintendo e Nintendo 64, senza dimenticare le console portatili Game Boy Advance e arrivando ai giorni nostri con il New Nintendo 3DS XL insieme all'immancabile Nintendo Switch. Segue fin da piccolino anche tutto il mondo PlayStation e ama franchise del calibro di Final Fantasy e Kingdom Hearts.