Crea sito

Void Terrarium – Recensione

Nippon Ichi Software per i nipponici oramai da anni è una garanzia per gli amanti di questo genere, spesso pubblica giochi di nicchia per tutte le console. Void Terrarium  è disponibile per Nintendo Switch e PS4 distribuito da Nis America.

La storia

Void Terrarium  iniza con un simpaticissimo topolino bianco che guideremo in un cunicolo sotterraneo fino all’uscita dove troveremo un piccolo robot. Il topolino incuriosito dal robot gli salta dentro innescando il meccanismo che fa rivevere il robot.

Ambientato in un mondo dove la razza umana è stata spazzata via  quasi fino all’estinzione totale per via di una specie di fungo tossico. Il nostro piccolo robot di manutenzione si è appena risvegliato, dopo un breve tutorial dove faremo conoscenza dei vari comandi di gioco faremo anche la conoscienza di Toriko l’ultima sopravvisuta della razza umana. Robbie ha trovato questa fanciulla  in un caniere in mezzo alla spazzatura.  Il nostro compito è di cercare in tutti modi di farla sopravivere creandole un rifuggio sicuro in questo mondo ostile e pieno di pericoli(una sorta di terrario). Con l’aiuto dell’intelligenza artificiale  presente nel robot (factoryAI) dobbiamo curarla  malattie che la colpiranno. Da qui, il nostro piccolo robot di nome Robbie dovrà avventursarsi per le terre desolate e infestate dalle terribili creature mutanti per raccogliere vari oggetti che serviranno per la piccola Toriko.

Gameplay

Il gameplay di Void Terrarium e molto interessante che porterà il giocatore ad impegnarsi moltissimo con un tasso di sfida abbastanza impegnativo e molto ben calibrato. Ci troviamo di fronte ad un gioco action in terza persona con visuale isometrica dall’alto. Comanderemo il piccolo robot in giro per i vari scenari all’esplorazione di vari dungeon in stile roguelike. Lo scopo del gioco è quello di andare in giro a raccogliore risorse per la piccola Tokiro, per poter espandere il terraio dove vive e avanzare nella trama. Il gioco è composto in varie aree di gioco con più livelli al suo interno, ogni livello ha diverse difficoltà  e una buona dose di combattimenti. Occhio anche alle trappole nascoste, non segnate sulla mappa, visibili solo con l’utilizzo di un oggetto.

Void Terrarium ha anche una buona varietà di nemici che incontremo durante il nostro viaggio. Il nostro piccolo eroe aquisirà esperienza man mano che sconfiggeremo i nemici e man mano potremo anche potenziarlo per renderlo pià forte.

Potenziamenti

Ad ogni livello che guadagneremo potremo potenziare il nostro robot. Possiamo scegliere i potenziamenti in una lista.  Possiamo scegliere la meccanica che più ci aggrada, attacchi in mischia, attacchi a lunga distanza o di potenziare la difesa e l’ evasione. Nel gioco ci sono zone piene zeppe di mostri, un modo ottimo per salire subito di livello e poter raccogliere molte più risorse in modo veloce.  Attenzione,  non sarà una missione facile afFrontare orde di terribili creature inferocite pronte a distruggerci senza pietà. Come in ogni buon roguelike che si rispetti non sara facile affrontare questi livelli. Alcuni dei potenziamenti sono temporanei e quindi andranno persi in caso di morte o nel caso in cui decidiamo di tornare al terrario. I potenziamenti permanenti riguardano il terrario e  l’avanzamento della storia.

Combat system

Troviamo un combat system a mio parere abbastanza  particolare. Bisogna capire bene le meccaniche, potrebbe sembrare all’inzio piuttosto banale come un action in tempo reale, visto e considerato che i combattimenti avvengono sul momento.  Ogni imput che sceglieremo. ad esempio come spostare Robbie avviene tramite caselle quindi raccogliere un oggetto o attaccare un nemico rappresenta un turno. Di seguito anche i nostir nemici faranno la loro mossa. Ciò ci porta a ragionare attentamente anche sulle nostre mosse e rende il gioco più interessante.

I combattimenti sono abbastanza semplici, abbiamo un solo attacco base a cui vanno ad aggiungersi diversi attacchi speciali che acquisiremo man mano che andremo avanti nella storia e saliremo di livello. Abbiamo un attacco base che infligge un danno basso al nemico e quindi avremo bisogno di infliggere più colpi per poterlo sconfiggere. Gli attacchi speciali sono molto più devastanti ma bisognerà attendere prima di poterli usare nuovamente.

Toriko

Una della parti fondamentali del gioco è la cura di Toriko, il suo stato di salute è sempre visibile su schermo con un interfaccia in basso a sinistra. Non so voi ma a me ha ricordato molto i vecchi tamagotchi. Dobbiame cercargli da mangiare  non contaminato per non dover correre  da lei mentre stiamo esplorando per curarla. Per tenerla in salute dobbiamo andare alla ricerca anche di medicinali e oggetti necessari. Ah dimenticavo… dobbiamo anche pulire  il terrario dagli escrementi ecc. Eh si proprio come avere un animale domestico, dobbiamo prendercene cura.

Ovviamente non mancano le note dolenti.

Il level design però risulta ripetitivo troppo spesso anche gli aspetti grafici. Avrebbero potuto differenziare un pò i vari scenari. Oltre ai protagonisti del gioco i nemici che incontremo durante l’avventura sono semplici e senza carisma. Il sonoro è stato ben adattato al gioco ma non riesce a coinvolgere il giocatore durante l’avventura a causa del suo essere ripetitivo per via del loop. Togliendo il tema principale del terrarium che dà un idea di tragico di quello che sta accadendo un punto a favore è quando andiamo a visitare il terrarium, la prospettiva della visuale cambia e diventa in 2D  a scorrimento per indenderci child of light.

Concludendo

Void Terrarium è decisamente un ottimo titolo per tutti gli amanti del genere roguelike che troveranno pane duro per i loro denti, sopratutto per chi desidera un gioco bello tosto e diverso dal normale. Un gioco di valore, negli ultimi anni abbiamo visto crescere questo genere. Come al solito non c’è la localizzazione in italiano. Void Terrarium offre un mondo terrificante, pieno di insidie in ogni angolo  e con una narrazione fluida, con una varietà di ambientazioni e nemici che lasciano un pò a desiderare. Colori cupi e freddi adattati alle ambientazioni di un mondo in rovina. Il terrario è personalizzabile a nostro piacere, io persnalmente mi sono divertito a renderlo accogliente. Trascorrerete circa venti ore in compagnia di Robbie e Toriko. L’unica dotata di parola parola è l’IA, i “dialoghi” tra Robbie e l’IA  riusciranno anche a strapparvi qualche risata.

 

  • Titolo: void tRrLM(); //Void Terrarium
  • Piattaforma: PlayStation 4, Nintendo Switch
  • Genere: RPG, Roguelike
  • Giocatori: 1
  • Publisher: NIS America
  • Sviluppatore: Nippon Ichi Software
  • Lingua: Inglese

VOTO FINALE :

Francesco

Sono un giocatore incallito, ho cominciato con il commodore 64 per poi passare al NES e allo SNES, fino alle console attuali. Amo giocare con tutte le console, odio la console WAR. Sono un collezionista da circa 20 anni. I miei giochi preferiti The legend of Zelda, Donkey Kong Country, Metal Gear Solid, God of War e Uncharted.