Zorro: The Chronicles – Recensione

Zorro: The Chronicles – Recensione

Nacon, PVP Games e BKOM studios, in collaborazione con Zorro Productions, Inc. e Canada Media Fund, hanno rilasciato il loro gioco intitolato Zorro: The Chronicles, tratto dall’omonima serie animata italo-francese.
È ora disponibile su PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One, Xbox Series X/S, Nintendo Switch e PC.

“Gioca nei panni di Zorro o di sua sorella Ines in questo gioco d’azione e di furtività ispirato alla serie animata Zorro: La leggenda. Libera il villaggio, fai giustizia e prenditi gioco del Sergente Garcia scrivendo il tuo nome con la punta della spada!
L’avventura ti attende!”

Zorro: The Chronicles è tratto dall’omonima serie animata, prodotta da Cyber Group Studios, in collaborazione con John Gertz, Zorro Production Inc per France Télévisions (Francia) e RAI (Italia). Questa serie di successo, venduta in più di 100 Paesi, è stata acquistata da importanti emittenti come Turner in Francia, RTVE in Spagna, RTS in Svizzera, Télé-Québec in Canada, Globosat in Brasile, TV5 Monde e molte altre.
La serie animata è stata nominata alla 13ª edizione del Premio Export nella categoria “Animazione” da TV France International, il nuovo ramo audiovisivo di UniFrance, e per il Festival Cartoons on The Bay, Pulcinella Awards, nella categoria “Miglior serie televisiva per bambini”.

STORIA

In Zorro: The Chronicles non c’è una vera e propria storia, diciamo che il gioco si limita a raccontare le più grandi sfide di Zorro nella lotta per la giustizia contro i suoi nemici armati e senza scrupoli.
Quest’avventura infatti ti farà entrare nel mondo della famosissima serie animata Zorro: The Chronicles, dove dovrai proteggere persone innocenti e vulnerabili dal malvagio generale e dal suo esercito.

Fai giustizia nella California spagnola del 19° secolo.”

GAMEPLAY

Il gameplay di Zorro: The Chronicles è abbastanza semplice, adatto certamente ai più piccoli. Il gioco inizia come sempre con un filmato introduttivo dove poi saremo accolti da un breve tutorial che ci spiegherà i vari comandi che possiamo utilizzare.
Appena avviato il gioco potremmo scegliere se giocare nei panni di Don Diego o di sua sorella Ines e la nostra avventura è suddivisa in diciotto livelli, nei quali ognuno ha diversi obiettivi da completare per avere più ricompense al termine di ogni livello. Zorro non uccide mai i nemici, li ridicolizza soltanto per dare loro una lezione e firma le sue azioni con il suo marchio “Z”.

Il gameplay di Zorro: The Chronicles è molto vario dato che si passa da situazioni di combattimenti di ogni tipo, al platforming dove dobbiamo recuperare le chiavi per aprire i cancelli per poter proseguire, oppure pezzi di mappa per trovare tesori e raccogliere le monete che ci serviranno per potenziare i nostri personaggi fino ad alcune meccaniche di stealth dove ci verrà chiesto di neutralizzare un nemico dall’alto oppure di nascosto.
Posso dire inoltre che troviamo anche fasi esplorative nel gioco dato che dovremmo cercare in giro per gli ambienti gli appositi riquadri dove affiggere poster il quale ritraggono il capo cattivo Monasterio, ridicolizzandolo.

Le varie mosse del nostro personaggio sono legate ad ogni tasto del pad per cui sarà semplice dover attaccare o completare le missioni richieste. Gli attacchi spaziano dai colpi normale a quelli un po’ più pesanti ma senza aspettarci mosse super particolari, rimane sempre un gioco tranquillo. Quando il nemico ha la barra della sua vita al minimo potremmo scagliare il ko dove partirà un brevissimo filmato nel quale il nostro eroe mascherato farà la sua mossa per così dire “speciale”.

La difficoltà di questo titolo non è alta, anche se si può scegliere tra livello normale e difficile ma onestamente non è che ci sia tutta questa sostanziale differenza. Difatti è un gioco pensato per i più piccoli dato anche il fatto che non ci sono uccisioni ma i nemici vengono soltanto storditi. Infatti una volta sconfitti li ritroveremo stesi a terra con gli uccellini che girano sulla testa o le stelline, oppure restano appesi ai balconi se tentiamo di spingerli giù. Rimane tutto praticamente sul ridicolo, appunto, per far divertire!

COMPARTO TECNICO

Per quanto riguarda il comparto tecnico Zorro: The Chronicles si presenta con una grafica cartoonesca davvero bella e divertente da vedere. Sia i personaggi che le diverse ambientazioni sono stati curati meravigliosamente, mentre si sta giocando sembra di essere all’interno di un cartone animato, tutto accompagnato dal sonoro che da trasmette quello stile spagnolo che la serie animata ovviamente dà!

Una nota negativa che ho trovato è l’utilizzo della telecamera. Risulta lenta e non proprio agevole nel gameplay, infatti dopo un po’ mi aveva fatto venire il mal di mare, inoltre anche i movimenti dei personaggi non sono dei migliori effettivamente, sono legnosi e rigidi e non scattano subito come nel caso della corsa che quando si preme il tasto abbinato ci mette giusto uno o due secondi per iniziare la velocità della corsa. Alla fine dei conti però si tratta comunque di un gioco molto adatto ai bambini per cui non possiamo aspettarci un gameplay per adulti.

Zorro: The Chronicles è sottotitolato in italiano così da poter capire in tutta semplicità cosa stiamo facendo. I personaggi non parlano quindi saremo guidati solamente dalle vignette e dalle schermate degli obiettivi.

CONCLUSIONE

Zorro: The Chronicles, diciamocelo, è un titolo pensato più per i piccini ma sono sicura che anche gli adulti lo troveranno divertente, soprattutto magari se giocato con il  proprio bambino. Per chi ama la saga di Zorro e ha visto sia il telefilm che la serie animata non potrà non amare questo titolo.
È un gioco alla portata di tutti, semplice ma davvero divertente che strappa tantissimi sorrisi soprattutto durante i combattimenti, riuscendo a far rivivere in modo simpatico ed ironico la storia del nostro amato eroe mascherato.

 

Giusy

Ciao! Sono Giusy e ho intrapreso la strada dei videogame da bambina con il Gameboy e Super Mario Bros, che però abbandonai crescendo. Con l'arrivo di Nintendo Wii mi sono innamorata della saga di The Legend of Zelda, iniziando proprio con Twilight Princess! ❤️ E da qui la passione videoludica non si è più fermata 💜

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.