Crea sito

The Witcher 3 per Switch: intervista ai sviluppatori

I ragazzi di Nintendo Everything sono riusciti a scambiare quattro chiacchiere con gli sviluppatori di The Witcher 3: Wild Hunt per Nintendo Switch. In particolare è stato interpellato il produttore senior Piotr Chrzanowski a riguardo delle caratteristiche peculiari di questa versione; si parla di tempi di caricamento dimezzati, alla capacità di memoria delle cartucce, tempi di sviluppo e molto altro ancora. Di seguito trovate l’intervista tradotta (scusateci per eventuali errori di traduzione):

Come è arrivato The Witcher 3 su Switch? Quanto tempo è passato allo sviluppo? Che cosa è stato in Sabre Interactive che ha spinto CD Projekt Red a collaborare con la compagnia portuale? Come ha funzionato finora con lo studio?

Quando ho giocato per la prima volta a The Witcher 3, ho avuto questo sogno di portarlo con me ovunque. Ho amato il mondo, ho amato i personaggi e la storia … Voglio dire, non sarebbe fantastico finire una ricerca sul pendolarismo? A quanto pare non solo io ho avuto questa idea. Quando Sabre si è avvicinato a noi e ha detto che potevano portarlo, abbiamo detto “OK, fantastico, ma deve essere lo stesso gioco, senza compromessi”. Sapevamo di cosa erano capaci perché avevamo lavorato insieme per portare 4k e HDR in The Witcher 3 su PlayStation 4 e Xbox One, quindi quando ci hanno mostrato il prototipo del gioco con il nostro motore su Switch qualche tempo dopo, sapevamo che sarebbe stato qualcosa.

Nell’annuncio iniziale, è stato menzionato che CD Projekt Red è stato strettamente coinvolto con l’uscita di The Witcher 3 su Switch. Puoi dirci quanto lavoro è stato suddiviso tra CD Projekt Red e Sabre Interactive?

Il tempo impiegato per lo sviluppo totale è stato di circa un anno. Abbiamo fornito una supervisione adeguata mentre  Sabre era responsabile dell’esecuzione. Dato che avevamo già avuto un rapporto di lavoro con loro prima, il processo è stato molto semplice: hanno sviluppato pietre miliari, dunque per noi è stata quasi come una garanzia lavorare con loro.

Puoi parlarci delle sfide tecniche legate al passaggio di The Witcher 3 a Switch?

Quando mi viene posta questa domanda, inizio sempre con questo: prima di parlare di tecnologia, giocare e vedere il gioco. Guarda come funziona, ottieni la sensazione del mondo e, se avevi già giocato su un’altra piattaforma, prova a individuare le differenze. E quando socchiuderai gli occhi, ne vedrai alcuni, ma – soprattutto – penso che sarai sorpreso di quanto sia bello. Detto questo, abbiamo compresso alcune trame, rimosso alcune cascate d’ombra (quindi la console esegue il rendering di due anziché quattro), anche la distanza di disegno e la distanza del fogliame sono diminuite. Ma sai una cosa? È ancora lo stesso gioco. Sono di parte, lo so, ma giocaci – vedrai.

Dato l’hardware Switch, sono state apportate notevoli modifiche al mondo aperto del gioco?

No. Beh, forse i tempi di caricamento – a volte sono significativamente più brevi rispetto alle console più grandi.

The Witcher 3 è un gioco enorme, ma l’intera esperienza è riuscita ad adattarsi a una singola cartuccia Switch. In che modo gli sviluppatori hanno realizzato questa impresa?

La prima cosa è che stiamo usando un carrello da 32 GB. Penso che non siamo il primo gioco a farlo, ma sicuramente uno dei pochi. Il resto è la magia della compressione e dell’ottimizzazione. Ad esempio, dal momento che il gioco non funziona in 1080p, potremmo ricomprimere filmati e risparmiare spazio in quel modo. Nessun contenuto è stato tagliato, se è quello che stai chiedendo.

L’audio può costituire una parte significativa delle dimensioni di qualsiasi gioco: come è stato trattato l’audio per questa porta? Qualcosa è stato tagliato?

No.

VOTO FINALE :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.