The Gunk – Recensione

The Gunk – Recensione

The Gunk è un videogioco di azione e avventura sviluppato da Image & Form e pubblicato da Thunderful Publishing.
Il gioco è ora disponibile su PC, Xbox One e Xbox Serie X/S e sul Game Pass.

“Usa il tuo fidato Power Glove per invertire la corruzione, scoprire antichi segreti e guarire il pianeta! Sperimenta la relazione in evoluzione dell’equipaggio, mentre esplori questo pianeta unico. Usa la tua ingegnosità e le tue reazioni rapide per superare le sfide che ti aspettano. Quali storie si celano in questo misterioso mondo abbandonato?

Che cosa significa tutto questo? Che ruolo può giocare Rani nel destino di questo pianeta evocativo e lunatico? A volte devi solo fare un atto di fede. Scopri il mistero. Pulisci il Gunk. Salva il pianeta.”

THE GUNK

The Gunk è stato sviluppato da Image & Form, lo studio dietro la serie SteamWorld.
Il team voleva creare un gioco che fosse di dimensioni maggiori e che fosse caratterizzato da una grafica 3D.
Essendo uno dei primi giochi 3D dello studio, Image & Form ha deciso di utilizzare Unreal Engine 4.
La grafica 3D del gioco richiedeva di lavorare con hardware più potenti, portando quindi l’azienda a collaborare con Microsoft, rilasciando il titolo sulle piattaforme Xbox e PC.

STORIA

Gli eroi di Gunk sono Rani e Becks, una coppia di trasportatori spaziali coraggiosi ma senza soldi.
Atterrano su un pianeta sconosciuto sperando di scoprire risorse preziose per pagare i loro debiti e continuare la loro vita.
Nei panni di Rani, esploreremo senza paura il mondo sconosciuto, scansionando forme di vita alla ricerca di dati, esplorando il pianeta e rimuovendo il Gunk, una sostanza melmosa che sta piano piano distruggendo la fauna e la flora del posto.
Inoltre vivremo le vicende di Reni e Becks, entrambe esploratrici spaziali e migliori amiche, che insieme a CuRT, un robot, compongono l’equipaggio dell’astronave chiamata Bunny.

GAMEPLAY

The Gunk è un videogioco di azione e avventura, proposto in terza persona, con un mix di platform e puzzle game.
Noi impersoneremo Rani, la protagonista dal cuore d’oro che si lascia guidare dalla sua natura avventurosa.
Avendo perso il braccio in un incidente in miniera prima degli eventi di The Gunk, Rani è equipaggiata da un potente guanto che può essere utilizzato per aspirare il Gunk e ripulire il pianeta, oltre ad essere anche uno scanner.
Questo pianeta presenta vari biomi come canyon, giungle e grotte, ma i terreni sono stati corrotti appunto dal Gunk, un parassita tossico che sta danneggiando l’ambiente e la sua fauna selvatica.
Ogni volta che si rimuove il Gunk, la fauna prospera e noi possiamo utilizzare lo scanner di Rani per scansionare l’ambiente e saperne di più su ciò che ci circonda.

Tutti i risultati saranno documentati in un registro che potremmo consultare in ogni momento. Una volta ripulito tutto potremmo raccogliere le risorse che ci serviranno,  utili per sbloccare modifiche per il nostro  guanto.
Tutta l’avventura gira intorno praticamente a questo, ovvero dover succhiare via il gunk ed analizzare l’ambiente circostante, ma ci imbatteremo anche in puzzle ambientali che sbloccheranno nuove aree da ripulire e in scontri dove utilizzeremo per lo più il guanto come arma per difenderci.
L’hub centrale di questo titolo è l’astronave di Rani e Becks. Difatti sarà lì in cui torneremo spesso per gestire il tutto e accedere ai potenziamenti di Rani.

Esplorando e ripulendo le varie aree scopriremo sempre più notizie riguardanti la storia dell’isola, sulla misteriosa civiltà che la popola e sulla natura di The Gunk.
Proseguendo l’avventura aumenta anche un po’ la difficoltà di gioco e se vi state chiedendo se Rani può morire..beh sì, ovviamente! Si può morire cadendo da altezze elevate oppure finire nelle acque contaminate dal Gunk o ancora se si viene feriti brutalmente dai nemici. In questi casi la nostra Rani andrà incontro a morte certa. Una volta persa la vita, si ripartirà dall’ultimo checkpoint.

STRUTTURA

La progressione di The Gunk possiamo definirla lineare, non si tratta di un open world. Infatti c’è proprio un percorso da seguire che si sblocca man mano che si prosegue nell’avventura.
La longevità di questo gioco si aggira attorno alle cinque/sei ore.
Nonostante le poche ore di gioco che The Gunk offre, riesce comunque a regalare emozioni e a coinvolgerci emotivamente.
Difatti il gameplay di per sé è poco approfondito dato che le cose da fare sono più o meno sempre le stesse.
Anche i combattimenti sono un po’ scarni, dato che i nemici che incontreremo si dividono pochissime specie e neanche tanto difficili da sconfiggere.  Nelle battaglie l’unica arma in nostro possesso è il guanto di Rani.
Un po’ più di difficoltà la si riscontra nel boss finale.
Nonostante tutto comunque riesce a raccontare le vicende delle due esploratrici e a farci perdere nell’esplorazione che il pianeta offre.

Per quanto riguarda il comparto tecnico, graficamente è grazioso da vedere, ci regala scorci davvero belli dell’ambiente circostante.
La colonna sonora accompagna tutta l’avventura in modo sublime, passando da musiche “tranquille” nei momenti calmi, a musiche più decise durante le fasi più tese.

CONCLUSIONE

The Gunk è un titolo che, per quello che offre, possiamo definirlo godibile.
È un titolo indie che nel suo piccolo si può apprezzare soprattutto per la trama davvero coinvolgente.
Pecca un po’ nel gameplay dato che non ci sono così tante cose da fare alla fin dei conti, ma rimane un titolo a cui ci si può giocare senza avere grandi aspettative.
Risolvere gli enigmi e spazzare via il Gunk restano le cose fondamentali che possiamo fare per salvare il pianeta, rendendo il gioco abbastanza avvincente!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.