OlliOlli World: VOID Riders – Recensione – è ora di tornare a RADLANDIA!

Bene, prima di iniziare a parlare di OlliOlli World vi do un consiglio, accendete la vostra console preferita, acquistate il gioco e mettetelo in download. Mentre la console scaricherà i poco più di 3 GB di dati necessari, leggete questa recensione per convincervi di aver fatto un buon acquisto.

Così cominciava la recensione di OlliOlli World  e quindi è inutile negare che sono felicissimo di recensire OlliOlli World: VOID Riders e se avete già il gioco originale non vi devo spigare perché. Ringrazio Cidiverte per il codice fornito per la recensione e vi invito a recuperarlo.

OlliOlli World: VOID Riders – Recensione –

Trama

Già OlliOlli World toglieva i freni alla fantasia  con un ragazza coi capelli fatti di gelato e una stilista che è convinta che l’accessorio di domani è il cappellino con due lattine ai lati; ma la trama era e resta opzionale e gli sviluppatori all’inizio di ogni dialogo ci danno la possibilità di evitarlo a piè pari rispondendo con il pulsate B con frasi tipo: “Vado a fare un po’ di skate” o “Vado a vederlo da solo” iniziando così il livello senza vedere il dialogo che lo introduce.

Nel gioco base dovevamo conquistare il favore degli dei dello Skate attraverso le nostre evoluzioni, ora è tutto più folle e divertente grazie all’arrivo degli UFO! Ma se la trama del primo gioco era simpatica ora il team si è superato con una storia molto più divertente e originale: la più bella mai vista nella serie.

Gli extraterrestri super stilosi -Sair’Rah, Khehvyn, and Pftangxi-sono arrivati su Radlandia, con la missione di trovare esemplari di skater da portare al potente Nebulord.

OlliOlli World: VOID Riders – Recensione –

Gameplay

Ogni volta che viene proposto un DLC, ciò che separa un DLC buono, da uno eccellente, è la varietà e la quantità di innovazioni aggiunte al gioco base. Ci deve essere qualcosa che spinga i giocatori verso i nuovi contenuti e faccia tornare i fan che magari avevano abbandonato il gioco dopo averlo completato. Le nuove meccaniche di VOID Riders assicurano che sia sempre così. Fare un GRAB con la tavola mentre sei nelle nuove sezioni con “Raggi traenti” ci permette di  sconfiggere per brevi tratti la gravità. E’ molto divertente e a questo si aggiungono anche piattaforme che compaiono solo all’ultimo e che aumentano l’imprevedibilità dei livelli.

I livelli sono molto curati e abbastanza complessi da giustificare il fallimento e di percepire il successo come un trionfo. Superare un livello difficile senza usare checkpoint dà una scarica di adrenalina simile ad alcuni livelli Kaizo di Mario Maker 2. Al contempo il sistema di checkpoint aiuta i giocatori meno avvezzi che possono ritentare molte volte piccole parti di tracciato ed evitare così la frustrazione.

Ma finire il livello un è solo l’inizio perché ogni livello offre diverse  sfide opzionali.  La più banale di tutte è quella di superare il livello senza utilizzare checkpoint,  e poi ci sono altre sfide uniche per ogni tracciato. Inoltre inanellando salti trick e combo otterremo un punteggio che potremmo poi confrontarlo con altri tre Skater gestiti dal computer oppure online.

Insieme alle novità al gameplay, ci sono nuovi elementi cosmetici con cui il tuo personaggio può trasformarsi in un alieno totalmente fuori di testa; ed è il look più indicato per affrontare ciò che il DLC ha da offrirci. Ogni oggetto è perfettamente inutile a fini del gameplay ma è un must per gli amanti del collectaton.

OlliOlli World: VOID Riders – Recensione –

Control System

Chi ha già giocato a OlliOlli World si troverà a casa,  ma chi arriva dal mondo dei pixel perfect platfomer dovrà abituarsi a un control system innovativo che però alla fine risulta perfetto. La scelta coraggiosa è stata quella di usare come comando principale lo stick analogico sinistro. Per eseguire un salto (olli) ad esempio dovremo abbassare la leva comprimendo le gambe e poi tirarla su per spiccare il volo. Quasi tutti i trick di base si fanno con l’analogico, i pulsanti usati sono A per spingersi col piede e i dorsali per effettuare rotazioni in volo.

C’è un comodo manuale interno al gioco per scoprire tutti i Trick. Il Trickzionario

All’inizio può sembrare assurdo non usare un tasto per saltare ma poi quando si realizza quanto sia flessibile questo controllo, si capisce perché questa serie ha raccolto premi per il suo game design.

OlliOlli World: VOID Riders – Recensione –

Grafica e musica

Il nuovo motore grafico 3d implementato per la prima volta in OlliOlli World si conferma perfetto con l’aggiunta di nuovi elementi grafici creati apposta per il DLC. La colonna era già un fiore all’occhiello della produzione ora si arricchisce di nuove tracce.

Simon Bennett, Co-CEO di Roll7,  ha dichiarato: “La musica è da sempre una componente essenziale della serie di OlliOlli, nonché una parte integrante della sua esperienza di gioco. Siamo davvero felici di poter condividere dei brani musicali così accattivanti, composti da incredibili musicisti indipendenti e provenienti da ogni parte del mondo“.

La colonna sonora è composta principalmente da musica elettronica e la selezione delle tracce del gioco, per chi amasse il genere, è disponibile su Spotify. Personalmente ho amato così tanto il gameplay da considerare la colonna come un ottimo sottofondo sonoro per favorire la concentrazione, ma non voglio sminuire il lavoro degli artisti che hanno partecipato con le loro canzoni.

 

Conclusioni

Giocando attraverso i nuovi livelli si sente costantemente la cura messa in OlliOlli World: VOID Riders ,il ritmo di gioco, il control system e le musiche che si fondono… Se dovessi descrivere la sensazione che si prova a giocare Olly Olly World parlerei di flusso.  Infatti il gioco scorre velocissimo e fluido e quando il giocatore entra in stato di grazia con il suo gameplay  lo skate corre veloce senza incontrare nessuna interruzione. Il giocatore è completamente immerso nella sua corsa.  Nella sua mente esiste solo il prossimo ostacolo e il modo più spettacolare per superarlo. 

In questo stato che chiamo flusso i comandi diventano memoria muscolare e si riescono a compiere sequenze più veloci della nostra comprensione.

Questa espansione alza l’asticella  di OlliOlli World che era già un gioco che definii “ la perfezione del genere da se stesso creato” in quanto rifinitissimo e originalissimo. Ora OlliOlli World: VOID Riders aggiunge nuovi elementi e se prima la trama era una folle scusa per affrontare il perfetto gameplay ora è interessante e si integra benissimo con la “lore” preesistente.

Concludo con due consigli. Se non avete OlliOlli World recuperatelo! Se lo avete non perdetevi OlliOlli World: VOID Riders una espansione che vale sicuramente i vostri  9,90 euro e il vostro tempo.

OlliOlli World  e OlliOlli World: VOID Riders sono disponibili PlayStation 4, PlayStation 5, Xbox One, Xbox Series X|S, Nintendo Switch e PC ( Il gioco è stato provato su XBOX series)

E’ ora di tornare a RADLANDIA!!!!

Un DLC veramente sbalorditivo!

Seguiteci sul  WEB oppure su Youtube,  Facebook

 


Andrea

Gioco da sempre a tutto, partito con l'apple IIc, ho giocato su tutti i processori della serie 8086 per poi diventare Nintendaro per colpa degli emulatori. Ma ora Voglio solo HW originale oppure scoprire cosa può offire il cloud. Sono forse schizofrenico?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.