Kojima vuole creare dei giochi che cambiano nel tempo reale.

Kojima vuole creare giochi che cambiano in tempo reale e che, quindi, offrano a ogni utente un’ esperienza diversa in base a vari fattori. Durante un’ intervista con i giornalisti della rivista giapponese Anan, lo sviluppatore, per parlare del futuro dei suoi videogiochi, ha tirato in ballo Boktai: The Sun is in Your Hand, un RPG da lui sviluppato per Game Boy Advance nel 2003.

Una tra le peculiarità di quel gioco era la presenza di un sensore di luce nella sua cartuccia che permetteva ai giocatori di usare la luce diretta del sole per giocare. Quindi, tenendo conto di questa novità, lui vuole prendere l’ abitudine di fare qualcosa del genere.

“Quello che voglio fare è creare giochi che cambino nel tempo reale”, ha detto. “Le persone di tutte le età e di tutte le professioni stanno giocando allo stesso gioco, ma stanno giocando allo stesso modo. Invece è molto meglio qualcosa che cambi a seconda di dove si vive e di come ci si sente.

In ogni caso per Kojima non c’è molto tempo da perdere nel pensare a queste cose. Adesso deve pensare al lancio di Death Stranding Director’s Cut, in uscita il 24 settembre su PS5. Inoltre, sebbene non ci sia stato alcun annuncio ufficiale al riguardo, si dice che lui stia già lavorando a Death Stranding 2, di cui, secondo l’attore Norman Reedus, sono già state avviate le negoziazioni.

 

Fonte: VGC
Hideo Kojima dice di voler fare giochi che "cambiano in tempo reale" - GamingTalker

Lollo

Videogiocatore sin dal 2007, a partire dal Nintendo DS, curioso, ingenuo, ma simpatico. Oltre all'hobby per i videogiochi, che ho sempre considerato un' arte,m' intendo di archeologia, sono stato boy scout per 8 anni e aiuto nel tempo libero gli amici. Una vita faticosa la mia, ma assai meritata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.