Joy-Con Drifting – Euroconsumers chiede a Nintendo di risolvere il problema.

I Joy-Con sono senza dubbio i controller più controversi di Nintendo. La ragione di ciò va cercata nel Drifting, il problema che fa registrare gli input non richiesti dai giocatori.

Una faccenda del genere non è inedita nell’ ambito videoludico. Tuttavia con Switch risulta troppo costante. Ne sono una prova le tante accuse fatte dai consumatori in questi ultimi anni. Però Nintendo non ha mai intrapreso alcuna azione per risolvere il difetto in modo definitivo. Certo. C’è il Servizio Assistenza, ma quello non è abbastanza.

Quindi, in occasione del lancio di Switch OLED, Euroconsumers, l’organizzazione europea a tutela dei consumatori, chiede a Nintendo di agire al più presto. In una lettera, viene chiesto alla compagnia di:

 

  • Informare adeguatamente i consumatori dell’esistenza del “Joy-Con Drift” e del suo impatto sulla durata dei controller Nintendo.

 

  • Rispettare integralmente le disposizioni sulla garanzia legale dei suoi prodotti senza imporre alcun onere di prova ai consumatori o  senza addebitare a loro alcun costo per la riparazione o la sostituzione dei loro controller.

 

  • Fornire dei contatti che permettano ai consumatori e alle organizzazioni nazionali di segnalare il problema.

 

  • Risolvere il Joy-Con Drifting una volta per tutte assicurandosi che si venda una versione più sostenibile dei Joy-Con.

 

“Nintendo ha il dovere di fornire dei dispositivi funzionanti ai suoi clienti.” ha affermato Marco Scialdone, il capo della divisione Litigation and Academic Outreach di Euroconsumers. “Il fatto che continui a vendere in modo consapevole queste console da gioco difettose è una violazione del diritto dei consumatori dell’UE. Ci aspettiamo che Nintendo faccia la cosa giusta e che lavori con noi per trovare una soluzione adatta ai consumatori”.

Invece Els Bruggeman, il capo della Policy and Enforcement di Euroconsumers, afferma:

“Mentre da un lato Nintendo pretende di impegnarsi per la transizione ecologica e di servire i suoi consumatori, la sua continua distribuzione di dispositivi elettronici difettosi mostra la sua vera mancanza di impegno genuino. 

L’obsolescenza precoce si traduce inoltre nella presenza in natura di tanti rifiuti elettronici che sono particolarmente difficili da smaltire. Ciò dimostra una deplorevole mancanza di rispetto sia per l’ambiente che per i consumatori”.

 

Fonte: Euroconsumers

 

Lollo

Videogiocatore sin dal 2007, a partire dal Nintendo DS, curioso, ingenuo, ma simpatico. Oltre all'hobby per i videogiochi, che ho sempre considerato un' arte,m' intendo di archeologia, sono stato boy scout per 8 anni e aiuto nel tempo libero gli amici. Una vita faticosa la mia, ma assai meritata.