Crea sito

Immortals Fenyx Rising: Gli dei perduti – Recensione

Immortals Fenyx Rising: Gli dei perduti – Recensione.

Finalmnete è arrivata l’ora di mettere le mani sull’ultima espansione Ubisoft di Immortals Fenyx Rising precisamente “Gli dei perduti”, il nuovo DLC  disponibile dal 22 aprile su tutte le console.

Immortals Fenyx Rising – Gli dei perduti offre un’esperienza top-down molto divertente. Con un divertentissimo stile di combattimento con visuale dall’alto ritorneremo alla vecchia storia di Fenyx e alla sua spendida vita da divinità. Un nuovo disastro sta colpendo il mondo dei mortali e la nostra bella Fenyx sceglie un nuovo eroe per portare a termine questa nuova missione e riportare l’equilibribrio di nuovo sulla terra e riunire nuovamente tutti gli dei perduti. Il compito verrà assegnato ad una giovane di nome Ash.

LA STORIA Immortals Fenyx Rising: Gli déi perduti

Dopo la breve spiegazione della cacciata dall’olimpo di Ade e Nettuno e della nuova catastrofe che sta avvenendo sulla terra vediamo la nostra spendida Fenyx allenarsi e tutto ad un tratto arriva Atena. Dopo una chiacchierata con Fenyx sui problemi che affliggono l’olimpo, hanno le mani legate visto che non possono  interferire per portare la pace tra Zeus, Ade e Nettuno, decidono di trovare un mortale che possa compiere tale impresa senza fare arrabbiare Zeus. Faremo la conoscenza della bella Ash intenta a spazzare il tempio delle divinità. Ash si dirige verso la statua di Fenix ancora incompleta scusandosi per non averla ancora completata perchè purtroppo lo scultore che si stava dedicando ad essa è morto durante l’ultimo terremoto. Ad un tratto la terra comincia a tremare e la nostra ero ina si rifugia ai piedi della statua.

Ash ode la voce di Fenix che le parla, le dice che l’amore per gli dei è fervente e lo vedono  anche dall’Olimpo e si chiede come mai anche in questi tempi bui è cosi devota ancora agli Dei. Ash le risponde che hanno bisogno di loro, o perlomeno lei ne ha bisogno. Interviene, dopo il breve dialogo, Atena che chiede ad Ash di salire sulla barca magica e seguire le indicazioni che gli verranno date dalle Dee.  Da qui prenderemo i comandi di Ash.

Approdati all’isola  Pyrite riceveremo le nostre armi, la spada e l’ascia simili a quelli gia visti a Fenyx. Da qui avrà inizio il breve tutorial per prendere confidenza coi comandi.

Tutorial

Iniziando Immortals: Fenyx Rising avremo una sorta di tutorial che tutorial non è, per imparare i rudimenti di gameplay e l’impostazione generale del gioco. L’esplorazione e l’intera mappa ricca di cose utili e sfide da affrontare sono i punti focali del titolo. Abbiamo ritroveremo di nuovo funghi, melograni, fichi, olive ed altre cose che serviranno per gli altari e per i  potenziamenti per andare avanti. In alcuni punti servirà fare delle offerte agli dei per poter proseguire nell’avventura con Ash.

STILE GRAFICO

Lo stile grafico di Immortals: Fenyx Rising: Gli déi perduti è uno stile cartoon molto vivace e con colori vibranti, con una notevole fluidità e con visuale dall’alto questa volta, al contrario del gioco originale e dei due DLC usciti precedentemente. Abbiamo apprezzato molto i paesaggi, verdi pianure, alte montagne e molto altro. Il sonoro non è da meno, ha uno stile grandioso. Vi ricordo inoltre che c’è la modalità di ripristino nel caso degli oggetti vengono distrutti o persi potete resettare.

COMBATTIMENTO

In difesa Ash può schivare gli attacchi cercando di compiere l’azione col tempismo giusto otterremo l’effetto slow motion. Ash, inoltre può parare gli attacchi con lo scudo e se eseguiamo anche questa azione nel giusto tempo riusciamo a ridurre la barra della stamina degli avversari. Quando riusciamo a ridurre la loro barra della vita a zero i nostri avversari resteranno immobili e inermi ai nostri attacchi. I nostri nemici possono sferrarci anche degli attacchi imparabili, infatti vediamo un aurea Blu sul loro corpo e la nostra unica difesa è la schivata.

Notiamo fin da subito la varietà dei combattimenti presenti, le animazioni dei combattimenti sono molto curate e ben realizzate. I nemici cambiano spesso pattern di attacco rendendo così lo scontro più adrenalinico. Gli avversari sono di varie tipologie, diversi a seconda della zona dell’isola in cui ci troviamo.

ABILITA’ E ARMI

Come nel primo capitolo da soli non ce la possiamo fare e abbiamo a nostra disposizione l’aiuto degli Dei. Gli Dei ci forniscono abilità e armi per sconfiggere i nostri nemici. Come per Fenyx  Ash può imbracciare tre tipi di armi tra cui spade, asce e archi oltre ad avere tre tipi di attacchi, attacchi leggeri, pesanti e a distanza. Inoltre possiamo cambiare arma velocemente, ad ogni attacco corrisponde un tasto specifico del pad. Questo favorisce molto il gameplay che già di suo è ricco di azione e adrenalina, con la visuale dall’alto sembra che stiamo giocando a Diablo.

Terremoto catastrofico: un potente colpo a terra che abbatte tutti i nemici attorno ad Ash.
Furia della natura: un raggio di energia che danneggia qualsiasi cosa che incroci la sua strada, aumentando il danno col tempo.

Meccaniche

Le meccaniche di gioco del DLC Gli dei perduti sono praticamente identiche a quelle che gia conosciamo delle storie precedenti, l’unico elemento che cambia è la visuale dall’alto. Essa cambia un pò l’esperienza che abbiamo avuto con i precedenti DLC. Anche qui ci ritroviamo con delle parti esplorative viste nella storia precedente e andremo a risolvere vari enigmi sparsi per la mappa. Ritroviamo anche qui delle missioni dedicate al tartaro che serviranno per proseguire la nostra avventura e riportare l’equilibrio nel mondo.

Immortals Fenyx Rising è ora disponibile su Switch, Stadia, PS5, PS4, Xbox Series X/S, Xbox One, PC e Amazon Luna. Potete ottenere il DLC tramite il Season Pass per €39,99 o come acquisto separato per €14.99.


VOTO FINALE :

Francesco

Sono un giocatore incallito, ho cominciato con il commodore 64 per poi passare al NES e allo SNES, fino alle console attuali. Amo giocare con tutte le console, odio la console WAR. Sono un collezionista da circa 20 anni. I miei giochi preferiti The legend of Zelda, Donkey Kong Country, Metal Gear Solid, God of War e Uncharted.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.