Horizon Chase Turbo: Senna Forever Recensione a 300 Kmh su XBOX

Horizon Chase Turbo: Senna Forever Recensione a 300 Kmh su XBOX

Le sale giochi erano luoghi fumosi, in cui ora nessun genitore moderno farebbe entrare il suo pargolo, eppure erano la mecca della gioventù cresciuta tra gli anni 80 e i 90. Tra i giochi più in voga, in qualunque sala giochi, c’era sempre un gioco di corse. Outrun e Virtua Racing sono i massimi esponenti di quell’epoca e nonostante sembrino simili al profano, non possono essere più diversi. Il primo usa immagini bitmap scalate per dare l’illusione di tridimensionalità mentre il secondo usa un vero motore grafico 3d poligonale. Horizon Chase Turbo mi ha stupito perché vuole usare la tecnologia di Virtua Racing per riprodurre Ourun. E’ realmente un ossimoro e non vedo cosa possa uscirne di buono…

Ma a volte, fortunatamente per Horizon Chase Turbo, sbaglio tutto. E buttati tutti i preconcetti alle ortiche scopriamo perché Horizon Chase Turbo è un gran gioco di corse arcade e la sua espansione Senna Forever è la ciliegina sulla torta.

Ma prima di parlare oltre immergetevi nel mood giusto con la presentazione di Horizon Chase Turbo: Senna Forever

Gameplay

Horizon Chase Turbo Senna Forever è un ottimo arcade racer, con una grafica semplice ed efficace, certo il fattore nostalgia colpisce duro su questo titolo, che però va ben al di là della replica di meccaniche dei giochi anni 90. Ma pur mantenendo il controllo dell’auto simile, innova aggiungendo molta più profondità al gameplay attraverso una serie di bonus da raccogliere sulla pista. Non di secondaria importanza la benzina. Infatti all’inizio della gara potremo scegliere una strategia di gara. Tranquilli 100% arcade quindi nessun pit stop ma la strategia di gara cambierà il comportamento dell’auto e il consumo di carburante. Per recuperare benzina dovremo “raccoglierla” dal tracciato sotto forma di bonus, se userete strategie aggressive potrete rischiare di finire senza benzina ma se non rischiate dovrete accontentarvi di un decorosissimo piazzamento. E ripetere i campionati quando avrete sbloccato le vetture più performanti. E se avete seguito Senna sapete benissimo come correre per onorarlo.

Ci sono tre opzioni tra cui scegliere: pneumatici migliorati, aerodinamica avanzata o carburante speciale.

  • I pneumatici avanzati offre una migliore maneggevolezza ed è la scelta per la pioggia, tuttavia aumenta il consumo di carburante.
  • La scelta di Aerodinamica avanzata ti garantisce una migliore accelerazione e una velocità massima più elevata a scapito della maneggevolezza.
  • La scelta del carburante speciale ti dà carburante extra per la gara e anche un Nitro aggiuntivo che si può usare durante la gara.

 

In ogni gara oltre alla griglia di arrivo potremo completare gli obiettivi di Senna che sono sfide da superare per progredire nella campagna. Le sfide possono essere varie, dal raccogliere un quantitativo di bonus o usare 4 volte il Turbo (come funziona come la Nitro dei giochi moderni ma è molto più vintage) Horizon Chase Turbo: Senna Forever

 

Circuiti e auto di Senna Forever

Sebbene, a parte il nome di Ayrton Senna, Aquiris Game Studio non ha avuto nessuna licenza ufficiale di F1 ma i riferimenti alla massima classe automobilistica sono lì chiari e tondi per gli appassionati.

La Mkenna ha una livrea che ricorda una celebre scuderia di origini neozelandesi, mentre la Cavalli tutta colorata di rosso ricorda le macchine di Maranello e una volta al volante ogni macchina ha un feel di guida differente.

I tracciati hanno i nomi delle loro relative nazioni e se siete pratici dei circuiti del circo della F1 riconoscerete molti tracciati. Infatti correndo in Belgio avrete il brivido di percorrere a piena velocità le curve di Eau Rouge – Raidillon e riconoscere il Circuito di Spa-Francorchamps, oppure correndo in un misterioso principato vi troverete in un tortuoso circuito urbano caratterizzato da un lungo tunnel, un porto e c’e anche il casinò…

 

Cosa aggiunge Senna Forever al gioco originale?

Con pochi spiccioli avremo un gioco nuovo creato col motore grafico dell’originale: i contenuti non sono pochi e li elenchiamo per chiarezza.

  • La modalità carriera è composta da 5 capitoli in cui dovremo ripercorrere la carriera di Ayrton Senna,
  • 15 nuovi circuiti ispiratissimi ai tracciati ufficiali di F1,
  • 40 velocissime vetture di cui 6 usabili in modalità carriera mentre le altre potremo usarle solo in modalità campionato,
  • le strategie di gara,
  • la modalità Campionato in cui potremo partecipare a tre campionati di difficoltà diversa senza dover ripercorrere la carriera del campione brasiliano.

Infine la novità che ho gradito di più è la possibilità di giocare in soggettiva proprio come facevo negli anni 90 con Super Monaco GP sul Megadrive.  Qui un video per apprezzare quanta strada è stata fatta da allora.

Conclusioni

All’inizio ero critico verso questo prodotto di Aquiris Game Studio, ma lo criticavo senza averlo giocato. E quanto ci si può sbagliare…

Sviluppando questo gioco non si è voluto riproporre il gioco di corse di una volta in alta risoluzione ma si è voluto ricreare la sensazione che si provava a giocarli allora. E per farlo lo sviluppatore ha dovuto creare un gioco diverso graficamente, ma che pad alla mano, ci fa sentire di star giocando al gioco di allora; non per come era ma per come lo ricordiamo. Che dire: sarà che son vecchio e nostalgico ma per me Horizon Chase Turbo è un signor gioco di corse e la sua espansione Senna Forever è anche meglio del gioco originale!

Per chi lo guardasse senza la nostalgia di quei tempi resta un gran gioco. Perché cattura l’essenza dei giochi da sala; divertenti e che ti stimolano a fare ancora una partita. Certo deve piacere la grafica che mima lo stile retrò, perché se si cerca il foto-realismo meglio aspettare Forza Horizon 5!

Infine l’acquisto del DLC finanzia la Fondazione Ayrton Senna che aiuta l’istruzione dei bambini meno fortunati.

Seguiteci sul  WEB oppure su Youtube,  Facebook

 

 

Andrea

Gioco da sempre a tutto, partito con l'apple IIc, ho giocato su tutti i processori della serie 8086 per poi diventare Nintendaro per colpa degli emulatori. Ma ora Voglio solo HW originale oppure scoprire cosa può offire il cloud. Sono forse schizofrenico?