Hogwarts Legacy – Recensione (Xbox)

Hogwarts Legacy – Recensione (Xbox)

Hogwarts Legacy è sviluppato da Avalanche Software e pubblicato da Warner Bros e si tratta di un titolo action-adventure open world ambientato nel mondo magico di Harry Potter. Il gioco è uscito su PlayStation 5, Xbox Series X/S e PC a febbraio 2023 e ora è disponibile anche su PlayStation 4 e Xbox One. Su Nintendo Switch invece sarà lanciato il 14 novembre 2023.

STORIA

Hogwarts Legacy è ambientato nell’ottocento e i protagonisti saremo proprio noi, studenti all’inizio del quinto anno alla scuola di magia e stregoneria di Hogwarts, dove avremo a disposizione una guida sul campo per maghi fornita dal Ministero della Magia per imparare le magie dato che iniziamo la scuola più avanti rispetto agli altri. L’avventura si svolge nel mezzo della ribellione che si sta scatenando tra i goblin guidata dal capo Ranrok, alleato con Victor Rookwood, dandoci anche modo di fare la conoscenza di diverse creature magiche pericolose come i troll e gli Inferius. La nostra presenza alla scuola di Hogwarts deriva da un potere magico antico, che solo noi possediamo e che Ranrok vorrebbe per sé. A farci da supporto e da mentore avremo accanto il professor Eleazar Fig che ci guiderà durante l’avventura. La storia di Hogwarts Legacy si svolge quindi su due strade: da una parte dovremo condurre la solita vita da studente dove dovremo imparare le arti magiche all’interno della scuola mentre dall’altra ci occuperemo di ciò che sta accadendo nel mondo magico. Hogwarts

CHE L’AVVENTURA ABBIA INIZIO

Hogwarts Legacy inizia proprio con la creazione del nostro personaggio e qui parto già subito dicendo che possiamo sbizzarrirci come più ci piace, possiamo scegliere qualunque cosa per il nostro avatar. Dal tipo di capelli, alla forma del viso, degli occhi, delle sopracciglia, delle labbra.. possiamo scegliere i colori di ognuno di essi, il sesso del personaggio ovviamente e anche il tipo di voce. È possibile crearlo nel minimo dettaglio provando a farlo a nostra immagine e somiglianza oppure di pura fantasia. Sono anche disponibili avatar predefiniti se non si ha troppa voglia di stare lì e crearlo da zero.
Fatto questo inizierà il nostro viaggio verso la scuola di magia di Hogwarts.

La prima persona che incontreremo sarà proprio il professor Eleazar Fig. Saliremo quindi sulla carrozza volante insieme anche ad un amico di Fig ma il viaggio non va come ci aspettavamo. Difatti veniamo attaccati da un drago intriso di magia oscura ma fortunatamente noi e il professore riusciamo a salvarci grazie ad una chiave chiamata Passaporta che la moglie di Fig aveva dato al suo amico da custodire e da decifrare ma che alla fine soltanto noi siamo riusciti ad attivare senza sapere perché o per come. Avendo attivato la Passaporta veniamo teletrasportati nelle Higland scozzesi per poi ritrovarci nei sotterranei della Gringott, la banca dei maghi, a cercare la stanza numero dodici. Una volta arrivati nella stanza capiremo che noi stessi siamo in possesso di un grande potere magico antico che i maghi oscuri bramano. Da qui inizia la nostra vera e propria avventura nel mondo magico di Hogwarts!

Proseguendo la storia arriviamo finalmente alla scuola di magia e stregoneria di Hogwarts dove veniamo accolti dal preside Black che ci porta nella sala grande dove avviene lo smistamento e facciamo la conoscenza anche della vice preside Matilda Weasley che ci mette subito in testa il Cappello Parlante per assegnarci ad una delle quattro case della scuola, ossia Tassorosso, Corvonero, Grifondoro e Serpeverde. La scelta è casuale in base alle risposte che diamo al cappello ma se non siamo soddisfatti possiamo scegliere noi di quale casa far parte. Io sono stata smistata in Grifondoro! È sempre stata la mia casa, anche nei test che si possono trovare in giro per il web, oltre che a quello ufficiale che uscì un tempo nel periodo dei film di Harry Potter e che è ancora disponibile.

Una volta fatto questo inizierà la nostra vita da studente a tutti gli effetti, ma prima dobbiamo andare alla città di Hogsmeade a prendere tutto ciò che ci serve per le lezioni per poter imparare qualunque cosa sulla magia. Prenderemo degli ingredienti per creare pozioni, le Magiformule e la nostra bacchetta, finalmente! Al negozio di Olivander avremo modo di personalizzare la nostra bacchetta se quella che ci viene data di base non ci piace. Ora siamo pronti!

Non dimentichiamoci che nel corso della nostra avventura possiamo anche stringere amicizie con alcuni studenti di Hogwarts. Con l’approfondirsi dell’amicizia possiamo poi chiedere loro di accompagnarci nelle missioni, potenziare le abilità e col tempo, convincerli a svelarci le loro storie personali. Ma non è finita qui, possiamo anche scegliere che tipo di mago o strega essere, infatti le scelte che faremo potrebbero condurci su una buona strada oppure cattiva, in base a come ci comportiamo e se decidiamo di apprendere le Maledizioni Senza Perdono. A voi la scelta!

MISSIONI E COLLEZIONABILI

Hogwarts Legacy è un gioco di azione e di avventura open world, nel quale la mappa da esplorare è davvero enorme nel quale possiamo spaziare tra il castello di Hogwarts, il villaggio di Hogsmeade, la Foresta Proibita e altri luoghi iconici che ti fanno sentire la pura magia che dà proprio il gameplay.
Grazie alla mappa possiamo gestirci le diverse missioni da completare sia principali che secondarie, oltre che alla miriade di collezionabili da raccogliere.
Le missioni principali come si sa sono quelle che portano avanti la storia e variano tra fasi esplorative dove ce ne andremo in giro per il castello e nelle vicinanze, a visitare ogni angolo che la mappa ci offre, combattere maghi oscuri, troll e così via..

Passando alle missioni secondarie invece posso dire che si sono rivelate davvero interessanti, anche queste senza risultare mai noiose come spesso accade. Alcune sono legate a personaggi principali della storia, dove ci serviranno per far progredire noi stessi e per conoscere loro più approfonditamente. Troviamo poi altre missioni secondarie, che ci vengono date dai personaggi secondari e li noterete subito perché quando saremo nelle loro vicinanze veniamo praticamente chiamati, nel senso che sentiremo proprio i personaggi lamentarsi di qualcosa o chiedere aiuto. Grazie a queste missioni avremo modo di esplorare la scuola in ogni suo angolo e scoprire cosi nuovi segreti e altri enigmi. Uno ad esempio è stato quello di alcuni quadri sparsi per la scuola con lo sfondo tutto nero, ma una volta attivata la magia Lumos appare un’immagine che raffigura una zona della scuola di Hogwarts dove dovremmo recarci per prendere la falena e riportarla al suo posto sul quadro.
Ogni quest completata ci farà guadagnare punti esperienza, che servirà a farci salire di livello e ottenere punti talento. Aumentando di livello, aumenteranno le nostre statistiche di salute, attacco e difesa. I punti talento, però, si sbloccheranno solo ad un certo punto della storia e si possono utilizzare in una sorta di albero delle abilità nel quale possiamo apprendere le abilità divise per categorie.
Oltre ai punti esperienza possiamo anche guadagnare abiti o accessori da indossare che saranno utili sia per abbellire il nostro avatar che per aggiungere punti all’attacco, alla difesa e alla salute.

LEZIONI E MAGIE

Ebbene sì, oltre alla storia principale dove dobbiamo scoprire cosa sta succedendo nel mondo magico di Hogwarts Legacy dobbiamo studiare e seguire le lezioni alla scuola.
Le prime che seguiremo fanno parte delle missioni principali ma andando avanti saranno opzionali e troviamo le lezioni di Incantesimi, Difesa Contro le Arti Oscure, Pozioni, Erbologia, Volo e altro ancora che scoprirete da soli. Grazie a queste lezioni impariamo molte abilità che possiamo poi usare sia durante l’esplorazione che nei vari combattimenti.

Ma non è finita qui, durante l’avventura impareremo molte delle magie più famose della saga di Harry Potter, come ad esempio Lumos per far luce negli spazi bui, Levioso per sollevare in aria i nemici ma anche per spostare ostacoli che bloccano la nostra strada e così via.. Un’altra magia parecchio utile all’inizio del gioco è Incendio che ci servirà per dare fuoco ai nemici, causando più danni dell’attacco normale ma può anche essere utilizzato per dare fuoco a sterpaglie o accendere fuochi, torce ecc.. State tranquilli che ci saranno altre magie da imparare e ne avrete per sbizzarrirvi!

STANZA DELLE NECESSITÀ

Altra cosa immancabile è la Stanza delle Necessità che verrà sbloccata tramite una missione principale. Una volta sbloccata possiamo personalizzarla come più ci piace.
È possibile infatti cambiare le pareti, i pavimenti, gli oggetti di arredo e non solo.. possiamo anche mettere dei tavoli per creare le pozioni oppure per occuparci delle piante e troviamo anche un giardino dove ci sono gli animali che abbiamo salvato. Insomma una specie di seconda casa per noi dove passare il tempo se vogliamo staccare un po’ dalle missioni.

SISTEMA DI COMBATTIMENTO

Ed eccoci arrivati al sistema di combattimento di Hogwarts Legacy, il fulcro del gameplay di questo titolo magico. Durante l’avventura avremo modo di affrontare diverse battaglie in giro per il mondo, dove ci scontreremo con creature magiche e maghi oscuri e sarà proprio qui che daremo sfogo a ciò che abbiamo imparato alla scuola.
Il sistema di combattimento è semplice e funziona alla grande, all’inizio le battaglie non sono troppo difficili dato che abbiamo a disposizione poche magie ma proseguendo la storia le cose si faranno più complicate e avremo poi accesso a più tipi di incantesimi da poter usare per sconfiggere i nemici. Questo ci permetterà di avere diverse strategie per affrontare i combattimenti e potremmo anche realizzare diverse combo di attacchi grazie alla varietà di magie che avremo a disposizione.

Insieme ai vari attacchi abbiamo a disposizione ovviamente anche mosse di difesa come la schivata oppure la difesa data dalla bolla del Protego, che se attivato al momento giusto sfodera un devastante contrattacco con Stupeficium il quale procura parecchi danni al nemico. Inoltre possiamo creare delle combo fenomenali utilizzando i comandi base insieme alle magie che abbiamo assegnato alla pulsantiera del controller.

COMPARTO TECNICO

Hogwarts Legacy dal punto di vista tecnico è strabiliante. Graficamente è bellissimo da vedere! Le ambientazioni, la scuola e tutto ciò che lo circonda è stato realizzato nel minimo dettaglio con grande cura e grande attenzione. Possiamo assistere a panorami mozzafiato e a luoghi davvero magici.
Anche i personaggi sono stati creati bene, dalla scelta dell’aspetto fisico agli abiti che indossano, ognuno con i propri colori delle quattro case, tutto abbinato perfettamente. L’unica pecca sono le animazioni facciali che a mio malgrado potevano essere realizzate un po’ meglio, nel senso che hanno tutti più o meno la stessa espressione indipendentemente dal tipo di emozione che stanno provando in quel momento.

Per quanto riguarda il sonoro, tutto avvolge in modo fantastico l’avventura. Le musiche sono più o meno come quelle dei film facendoti sentire proprio la magia che questo titolo sprigiona. Nelle battaglie ad esempio cambia quando ci avviciniamo ai nemici e quando inizia il combattimento mentre quando ci allontaniamo o termina lo scontro, ritorna poi la musica tranquilla che ci accompagna durante l’esplorazione e durante le missioni che dobbiamo completare.

Un’altro punto a favore è il doppiaggio in italiano, sia dei testi che dell’audio, rendendo così l’esperienza ancora più coinvolgente di quanto non lo sia già ed anche le movenze del labiale dei personaggi seguono proprio la lingua selezionata.

La longevità di Hogwarts Legacy si aggira intorno ad una ventina di ore per la campagna principale, ma essendo un open world pieno zeppo di cose da fare e da vedere, il tempo di gioco si allunga di parecchio. Il gioco purtroppo è solamente in single player, non è stata inserita una modalità multiplayer, che a parer mio avrebbe completato il tutto rendendo il gameplay ancora più divertente giocato insieme agli amici. Un’altra cosa che non è stata inserito è lo sport del Quidditch, gli sviluppatori stessi hanno riferito che per concentrarsi appieno sullo sviluppo del gioco hanno dovuto sacrificare qualcosa ma non è detto che potrà essere inserito magari in futuro, chissà..lo scopriremo col tempo!

Continuando, i tempi di caricamento sono rapidi, sia spostandoci sulla scopa mentre ci godiamo i meravigliosi panorami che Hogwarts Legacy ci offre, sia che per il viaggio rapido tramite la Metropolvere. Unica cosa che ogni tanto capita è che tra il passaggio tra una stanza e l’altra dobbiamo aspettare qualche secondo prima che si apra la porta per caricare il prossimo luogo. Si tratta proprio di pochi secondi quindi nulla di così fastidioso.

CONCLUSIONE

Hogwarts Legacy è il sogno di ogni potterhead che diventa realtà. L’atmosfera, il gameplay, le ambientazioni sono realizzati molto bene tutto è curato nel dettaglio. Quando ti metti davanti allo schermo con il controller in mano entri proprio nella magia di Hogwarts. Graficamente è meraviglioso da vedere e da esplorare..le magie e i combattimenti sono fantastici una volta imparate le varie tecniche. La versione old-gen si comporta molto bene, non ci sono differenze enormi dalla versione next-gen. Ovviamente dipende sempre anche da che tipo di schermo lo giocate e in questo caso la differenza di grafica si vede. Ciò non toglie comunque che l’esperienza rimane immersiva e coinvolgente. Giusto i tempi di caricamento non sono così veloci come su PlayStation 5 e Xbox Series ma anche questo non rende il gameplay fastidioso.
Pure qui manca il multiplayer e il Quidditch, ma come sempre speriamo in un loro inserimento futuro!


Giusy

Ciao! Sono Giusy e ho intrapreso la strada dei videogame da bambina con il Gameboy e Super Mario Bros, che però abbandonai crescendo. Con l'arrivo di Nintendo Wii mi sono innamorata della saga di The Legend of Zelda, iniziando proprio con Twilight Princess! ❤️ E da qui la passione videoludica non si è più fermata 💜

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.