PS5Recensione

Have a Nice Death – Recensione

Have a Nice Death gioco sviluppato da Magic Design Studios e Gearbox Publishing uscito precedentemente su PC e Nintendo Switch ora disponibile su PlayStation 5 e Xbox . Have a Nice Death è un Rogue-Lite d’azione 2D a scorrimento laterale, disegnato a mano. Have a Nice Death è stato lanciato su Steam Early Access nel 2022.

Trama

Morte ha messo su una vera e propria attività (Death Inc.) per raccogliere le anime, si è allontanata però dal campo. I suoi sottoposti sono riusciti a ottenere più potere anche a causa di un’scura figura misteriosa. Le scartoffie si accumulano e Morte è sommersa dai documenti da firmare. Morte è cosi impegnata da aver perso grinta e potere, è diventata una sorta di dipendente della sua stessa azienda. Gli autori dopo un anno della versione 1.0 hanno aggiunto varie novità, tra cui vari dialoghi secondari coi dipendenti. L’ultima montagna di scartoffie la risveglia ed è pronta a vedere cosa stanno combinando i Sorrows.

I buffi personaggi che ruotano intorno a morte hanno varie preoccupazioni. Vediamo delle stagiste un pò goffe e tonte, segretari pignoli e leccapiedi, sindacalisti sbadati e drogati di caffè. Morte ha persino un personal trainer, un cadavere senza pelle, pieno di muscoli. Durante l’avventura possiamo interagire con tutti i personaggi e assistere così a diversi siparietti divertenti.

La narrativa ambientale risulta piacevole, gli inferi sono divisi in dipartimenti tra cui vediamo intossicazione alimentare, malattie, tossicodipendenze e altro. Tutti i reparti sono stati divisi e hanno un colore predominante, il grigio. Le aree sono ben curate e realizzate, ci sono tanti dettagli e lo stile è al quanto unico.

Abbiamo notato anche una vena quasi satirica sul mondo del lavoro. All’inizio della partita siamo stati avvertiti con un messaggio di non prendere sottogamba i comportamenti inadeguati e i disagi psicologici.

Inizio…

Il gioco inizia dal banco della reception della Death Inc., l’area è piena di nemici impiegati ben vestiti con fiamme al posto della testa e libri che sparano ad aeroplani di carta. I nemici successivi potrebbero essere semplici come una sigaretta che cammina e fuma nelle aree che si occupano di dipendenza, o un cuore con le braccia che esplode dopo essere stato colpito varie volte. In ogni area ci sono vari nemici, tutti ben congeniati, un mix comico-minaccioso. La maggior parte dei boss ha attacchi che occupano o raggiungono l’intera area, costringendo i giocatori a imparare a schivare con uno scatto invulnerabile. I mini-boss sono particolarmente divertenti, con un design da cartoon, alcuni sono più temibili di altri ance di qualche boss di fine livello.

Gameplay

All inizio abbiamo solo due livelli di sfida: autoaffermazione e normale.

  • L’autoaffermazione è la sfida adatta a chi non ama le dinamiche punitive che costringono a ricominciare da capo ogni volta che si viene uccisi. Ovviamente la morte non trapassa ma se si stressa troppo se ne ritorna nel suo ufficio. Così però perderete i power up accumulati e avviene un reset dei livelli generati proceduralmente. In questa sfida i nemici sono più clementi e i danni che gli infliggiamo sono maggiori e abbiamo a disposizione due cure istantanee minori e una più efficace.
  • La difficoltà normale invece ci conferisce solo una pozione rigeneratrice piccola. L’esperienza di gioco è più dura.

Completando la campagna principale si accede ad altri livelli di sfida con difficoltà crescente e ciò rende il gioco altamente rigiocabile.

Combattimenti

Il sistema di combattimento è lo stesso della versione 1.0. Impersoniamo Morte e abbiamo a disposizione la sua amata falce. La falce può assumere varie forme e dobbiamo selezionarla all’inizio di ogni partita. Ci sono tre varianti e sono legate alla velocità e alla potenza e hanno delle mosse di attacco dedicate.
Il gioco premia chi riesce a posizionarsi tra gli attacchi. Possiamo anche equipaggiare fino a due armi secondarie e vari modificatori alle sue abilità passive o attive. Infatti ci sono archi, pugnali, lance, bazooka, cappe e maledizioni varie.

Possiamo attaccare in aria e a terra, con colpi caricati e mosse verticali sia in salita che in caduta. Nelle fasi iniziali i combattimenti sono più semplici ma man mano che andiamo avanti lo schermo comincia a diventare più caotico e con lui anche i combattimenti diventano più difficili. Possiamo aiutarci con gli attacchi a distanza e con le mine esplosive. Vediamo nemici che si buttano a capofitto e si teletrasportano in giro, sono più resistenti agli attacchi. Dobbiamo cercare di trovare il giusto equilibrio tra attacco e difesa. I boss sono molto elaborati, hanno a disposizione molti attacchi, movimenti e mosse.

Abbiamo anche la possibilità di potenziare le armi, anche la falce, in determinati luoghi. Aumentando le statistiche otteniamo anche dei bonus extra, tra cui attacchi aggiuntivi o malus come l’ustione. Inoltre morte ha anche un attacco finale diverso per ogni falce e per ogni equipaggiamento secondario, possiamo usarlo svuotando la barra apposita.

L’indicatore per gli attacchi Frenzy si accumula durante il combattimento e possiamo usarlo per liberare facilmente aree più difficili o scegliere di conservarlo per gli scontri con boss o mini-boss, anche se di solito è facile riempire l’indicatore mentre il combattimento continua.

Potenziamenti

Tra i vari potenziamenti che possiamo fare ce ne sono alcuni molto interessanti. Le maledizioni sono moto soddisfacenti. Possiamo ottenere più attacco o più mana, oltre a dei poteri che attivano malus sui nemici, come farfalle esplosive. Inoltre possiamo anche potenziare le nostre difese e combinare effetti in base alle armi che utilizziamo.

Se riusciamo ad accumulare un tot di maledizioni possiamo accettare un malus e avere a disposizione degli attacchi più potenti che si rivelano molto utili coi boss più forti.

Strumenti

Morte può ottenere più strumenti da utilizzare nelle varie esplorazioni. Man mano che andiamo in giro possiamo ottenere dei lingotti d’oro che possiamo utilizzare per sbloccare nuove armi e snack, cure e anche potenziamenti. Se completiamo le sfide associate il costo dei potenziamenti ecc. può ridursi. Nelle sfide associate ci tocca sconfiggere nemici, boss e anche subire danni.

Level Up

Il sistema di Level Up si basa sui risultati delle varie partite. Man mano che saliamo di livello possiamo sbloccare vari potenziamenti fissi tipo la cura o le nuove maledizioni.

Esplorazioni

In Have a Nice Death abbiamo una buona libertà di esplorazione. Possiamo esplorare i vari dipartimenti nei vari piani. Quando passiamo a un altro piano dobbiamo scegliere quale sarà il prossimo tra le varie opzioni disponibili. In base ai piani e ai dipartimenti che affrontiamo otteniamo delle ricompense diverse e in base alle nostre scelte possiamo scegliere in che modo far evolvere la partita. Agli estremi delle mappe ci sono due ascensori uno è per l’uscita e uno è per l’entrata, che ci serviranno per scegliere a quale piano andare. Nei vari piano troviamo anche i negozi.

Possiamo scegliere noi se dare priorità ad aumentare la vita o ad accumulare Maledizioni, ottenere animonete ed eseguire potenziamenti, cercare cure o ottenere più lingotti.

Livelli

I livelli sono simili tra loro, è un susseguirsi di stanze e passaggi, nemici e delle arene saltuarie chiuse con nemici a ondate. Nei vari dipartimenti ci sono dei nemici unici, ma anche nemici comuni e mini boss e boss. Ognuno di essi influenza le maledizioni in base ai potenziamenti che facciamo.

Grafico e Sonoro

Il comparto grafico è molto dettagliato e curato, il tutto è contornato da una scrittura da cartone animato per adulti, con battute, espressività e animazioni davvero caratteristiche. La scrittura durante tutto il gioco mantiene una vena sarcastica e spiritosa. Anche le interazioni della Morte con i suoi subordinati sono molto divertenti, poiché lo mandano in varie mini-missioni per trovare oggetti smarriti come una scarpa o semplicemente per scherzare con altri personaggi. I boss e le sofferenze sono ben realizzati e caratterizzati. Il modo in cui Magic Design Studios utilizza elementi in primo piano e sullo sfondo crea un meraviglioso senso di profondità in ogni ambiente, e il contrasto tra spazi monocromatici e attacchi dai colori vivaci rende il combattimento appariscente e divertente da guardare.

Il sound design lavora a dovere ma non splende, è contornato da effetti sonori tradizionali. Magic Design Studios ha anche scelto d’includere una sorta di effetto graffio ogni volta che la Morte viene colpita da qualcosa, a volte un pò fastidioso. La colonna sonora alterna brani concitati e musiche di sottofondo pacate. La piccola melodia che suona ogni volta che la Morte viene rimandata nel suo ufficio, tuttavia, rimarrà nella testa di un giocatore molto tempo.

Conclusione

Have a Nice Death è un roguelite bello e divertente da giocare. La libertà di esplorazione è soddisfacente e con la libertà di potenziamento e avanzamento abbiamo a disposizione ottimi strumenti per rendere le partite interessanti. Completando la campagna principale si accede ad altri livelli di sfida con difficoltà crescente e ciò rende il gioco altamente rigiocabile. Il gameplay è soddisfacente e il gioco è molto piacevole da giocare. Non possiamo non consigliarlo soprattutto agli amanti del genere. Questo è un roguelike per gli amanti del roguelike.

Una piccola perla del panorama Indie.


Francesco

Sono un giocatore incallito, ho cominciato con il commodore 64 per poi passare al NES e allo SNES, fino alle console attuali. Amo giocare con tutte le console, odio la console WAR. Sono un collezionista da circa 20 anni. I miei giochi preferiti The legend of Zelda, Donkey Kong Country, Metal Gear Solid, God of War e Uncharted.