Crea sito

Crash Team Racing Nitro-Fueled – Recensione PS4 e Xbox One

Crash Team Racing Nitro-Fueled

Dopo il grande successo di Crash Bandicoot N. Sane Trilogy, era diventato prioritario per Activision lavorare a Crash Team Racing Nitro-Fueled, il remake del kart game del 1999 dedicato alla mascotte Sony.                                                                                                                                          Questo è quanto ha riferito Thomas Wilson, il creative director di Beenox, il team di sviluppo che si è occupato  del gioco.

 

 

 

 LE NOVITA’

Tralasciamo per un secondo il piacevole impatto grafico, la prima novità di Crash Team Racing Nitro-Fueled la notiamo intraprendendo l’avventura, la modalità single-player in cui dobbiamo vincere 21 gare per bloccare i personaggi segreti. In termini di trama, si traduce in salvare il mondo dalla megalomania di quello stronzone di Nitrus Oxide, un pilota alieno attaccabrighe.

MODALITA’

Il remake ci permetterà di affrontare questa avventura in  modalità single-player o in maniera classica, che prevede un livello di difficoltà predefinito e un unico personaggio che possiamo scegliere all’inzio del gioco, proprio come accadeva nella versione originale.
Oppure in puro stile Nitro Fueled, in parole povere la possibilità di selezionare il grado di difficoltà, e poter cambiare il personaggio in corso d’opera quando volete. Un’aggiunta molto gradita che si rivela vincente, perchè rende ancora di più l’avventura strategica e molto godibile. Anziché rimanere bloccati a causa di un personaggio che ha poca manovrabilità su una pista come Piccola Arena.

 

 

 DIFFICOLTA’

Ciò dipende anche dalla difficoltà scelta, dato che l’IA nemica  cambia drasticamente, se a “facile” bastano gli oggetti bonus delle scatole per vincere contro gli avversari, già a “medio” è necessario un buon uso delle derapate e dei salti, i cui comandi non sono semplici per i principianti. Ma non temete, se questo è il vostro primo approccio al kart game, potete fare affidamento ai consigli che appaiono tra i caricamenti, oltre a potere consultare la guida dal menù.

COSA RESTA INVARIATO DALL’ORIGINALE

Vero è che solo giocando a un alto livello di sfida Crash Team Racing Nitro-Fueled esprime tutta la sua adrenalinica natura: le gare si svolgono sul filo del rasoio, dove un TNT messo al posso giusto può fare la differenza. Della stessa importanza sono dotate le scorciatoie: i veterani dell’originale saranno lieti di sapere di poterle trovare proprio dove le hanno lasciate vent’anni fa. Anche la giocabilità rimane invariata rispetto a CTR, sebbene resa leggermente più fluida. Questo perché il titolo originale non è affatto invecchiato male negli anni, quindi nel remake non troviamo grossi stravolgimenti. Il che è un bene.

 

 

SYNGLE-PLAYER E BATTAGLIA

Se già la modalita avventura permette di vivere grandissimi emozioni, è con il resto delle sfide che Crash Team Racing Nitro-Fueled sprigiona tutta la sua bellezza ed essenza. Dalla corsa in sigle-player alla gara di coppa, alla prova a tempo e alle cose delle reliquie; Dalla ricerca delle lettere
Crash Team Racing Nitro-Fueled a quella dei cristalli entro un tempo limitato.                                                                                                                     Per poi finire con la modalità battaglia, una sorta di battle royale sui kart, in cui colpire gli avversari con gli oggetti bonus dentro un circuito chiuso, oppure giocare a ruba bandiera, e così via. In particolare quest’ultima modalità è puro divertimento se giocato in compagnia. Certo, c’è il pericolo che molte delle nostre amicizie storiche giungano al termine dopo un missile alle spalle, ma è un rischio che siamo disposti a correre. Altrimenti possiamo comunque affrontare tutto in solitaria contro l’IA avversaria.

CONCLUSIONE

In generale Crash Team Racing Nitro Fueled fa forte affidamento al multiplayer, che si divide in 4 giocatori in locale, 8 online.     Vi confermiamo però che Crash Team Racing Nitro Fueled, giocato in compagnia di amici, acquisisce ulteriore valore. Anche in questo caso i veterani dell’originale non rimarranno scontenti. Anche perché nelle varie sfide, oltre ai classici tracciati di CTR, sono incluse le piste di “Crash Nitro Kart”.

Come si sbloccano? Se per l’alieno basta completare l’avventura, per gli altri dobbiamo o superare specifiche sfide – come le “Prove a Tempo” per avere N. Tropy -, oppure spendere al Pit Stop le monete guadagnate al termine di una corsa.

Restyling grafico davvero eccellente. Capita infatti di soffermarsi sulla morbidezza del manto di Pura o di sorridere per l’espressione di Ripper Roo. comparto sonoro, Crash Team Racing Nitro-Fueled è interamente tradotto in italiano, quindi testo e audio. Durante le nostre scorribande in kart possiamo infatti sentire gli storici sfottò tra i personaggi, anche se le voci sono leggermente diverse.

 

Crash Team Racing Nitro-Fueled, sviluppato da Beenox e distribuito da Activision, è il remake di Crash Team Racing, il popolare kart game dedicato all’icona bandicoot uscito nel 1999.

In promozione su amazon a 29,99

 

 

 

 

VOTO FINALE :

NextPlayer

Sono un giocatore incallito, ho cominciato con il commodore 64 per poi passare al NES e allo SNES, fino alle console attuali. Amo giocare con tutte le console, odio la console WAR. Sono un collezionista da circa 20 anni. I miei giochi preferiti The legend of Zelda, Donkey Kong Country, Metal Gear Solid, God of War e Uncharted.