Activision Blizzard denunciata da New York City per l’acquisizione di Microsoft

Activision Blizzard denunciata da New York City per l’acquisizione di Microsoft

Una causa da parte di funzionari di New York City ha accusato il CEO di Activision Blizzard Bobby Kotick di essersi affrettato a vendere l’azienda a Microsoft nel tentativo di sfuggire alla responsabilità per gli illeciti commessi.
Come riportato da Axios, la causa è stata iniziata il 26 aprile dal New York City Employees’ Retirement System e dai fondi pensione per i vigili del fuoco, le forze di polizia e gli insegnanti della città.

I querelanti, che possiedono azioni Activision Blizzard, hanno intentato una causa nel tentativo di ottenere l’accesso ai suoi libri e registri aziendali, che secondo loro potrebbero esporre Kotick e il suo consiglio di amministrazione a comportamenti scorretti che hanno depresso il prezzo delle azioni della società.
Inizialmente hanno iniziato a cercare l’accesso ai documenti interni di Activision Blizzard lo scorso ottobre dopo che l’ editore di Call of Duty e World of Warcraft è stato citato in giudizio dal Dipartimento per l’occupazione e l’edilizia eque (DFEH) della California per la sua incapacità di gestire le molestie sessuali e la discriminazione contro le dipendenti di sesso femminile.
I querelanti stavano cercando di determinare ciò che Kotick sapeva sulla cattiva condotta sessuale presso Activision Blizzard come pretesto per citare in giudizio lui e i suoi colleghi membri del consiglio.

Da allora è emerso che Microsoft ha avviato colloqui con Kotick su un accordo per acquisire Activision Blizzard solo tre giorni dopo la pubblicazione di un rapporto del Wall Street Journal in cui si affermava che il leader dell’azienda era a conoscenza da anni di accuse di cattiva condotta sessuale.
La causa afferma:
“Data la responsabilità personale di Kotick e la responsabilità per il posto di lavoro compromesso di Activision, avrebbe dovuto essere chiaro al consiglio di amministrazione che non era idoneo a negoziare una vendita della società.Ma non lo era.”
Inoltre i documenti della causa affermano che “la velocità con cui Kotick si è mosso non solo per fissare un tetto all’offerta, ma per eseguire un accordo, era prevedibile. La fusione ha dato a Kotick e ai suoi colleghi amministratori un mezzo per sfuggire dalle responsabilità per le loro eclatanti violazioni dei doveri fiduciari.”

 

Fonte

Giusy

Ciao! Sono Giusy e ho intrapreso la strada dei videogame da bambina con il Gameboy e Super Mario Bros, che però abbandonai crescendo. Con l'arrivo di Nintendo Wii mi sono innamorata della saga di The Legend of Zelda, iniziando proprio con Twilight Princess! ❤️ E da qui la passione videoludica non si è più fermata 💜