A Juggler’s Tale – Alla ricerca della libertà – Recensione

A Juggler’s Tale – Alla ricerca della libertà – Recensione

A Juggler’s Tale di kaleidoscube approdato su Nintendo Switch, PC, PlayStation 5 e Xbox One. Un gioco con una storia originale e con un doppiaggio in rima (coi sottotitoli in italiano).

Ci ritroviamo nei panni di un burattino in un mondo pieno di lividi ma delizioso. Enigmi e trappole da risolvere ed evitare, alla ricerca della libertà e del controllo del destino di Abby. Dobbiamo usare le corde del burattino per risolvere dei rompicapo, aggirare gli ostacoli, attraversare fiumi e oltrepassare campi pieni di bamditi e superare trappole. Mondo cupo ma bello, ispirato al mondo fiabesco. I temi sono la speranza e la responsabilizzazione, la libertà dai vincoli.

Una profonda, poetica avventura

Usa le corde del burattino in rompicapi unici, aggira gli ostacoli, attraversa fiumi impetuosi, sgattaiola attraverso accampamenti di banditi e supera trappole pericolose per trovare la libertà.
Esplora un mondo bello e cupo, ispirato al tono e all’atmosfera delle fiabe tradizionali.
Vivi un’intensa storia di speranza e di responsabilizzazione.
Scopri cosa serve per liberarsi veramente da tutti i vincoli.

Ed eccoci qui…

Questa piccola fiaba ha la durata di tre ore. Come abbiamo gia detto la nostra protagonista è Abby una fanciulla intrappolata in una delle gabbia di un circo. La ragazzina deve liberarsi dalla gabbia e dai fili che la tengono legata. Il gioco è composto da cinque atti, notiamo sin da subito le assi del palco e i bordi del teatrino. Appena comincia a muoversi i paesaggi cambiano e sembrano più realistici, vediamo sempre i fili. I personaggi e gli ambienti sembrano fatti di carta, man mano che si avanza nel gicoo ci lasciamo alle spalle il finto. I cespugli di carta diventano erba e cosi via.

Lead a Marionette Through a Grim Fairy Tale World in A Juggler's Tale - Xbox Wire

Scappa e nasconditi

Gioco semplice e bello da vedere e giocare, è un avventura a scorrimento orizzontale in 2.5 D. Possiamo saltare impugnare oggetti, spingere e tirare casse e cose simili e arrampicarci aggrappandoci a qualcosa per salire. Non possiamo combattere, possiamo solo scappare e nasconderci dai nemici. Se veniamo catturati veniamo riportati all’ultimo chekpoint. A rendere il gioco più interessante ci sono degli enigmi ambientali da risolvere, una volta risolti andiamo all’atto successivo. Ogni atto è una sorta di lungo livello con diversi ambienti.

A Juggler's Tale (2021 video game)

I fili del burattino

I fili sono un intralcio, infatti alcune cose a causa loro non possiamo farle. Ad esempio i fili non ci permettono di passare sotto i ponti o sotto altri oggetti. Dobbiamo salirci sopra e spostare quelli che possiamo spostare. In ogni scenario ci saranno delle cose da fare e dobbiamo cercare il modo corretto di farle. Anche un ramo diventa un ostacolo.

I nemici

Anche i nostri nemici sono burattini, e questo va sfruttato. Infatti possiamo aiutarci facendoli bloccare negli ostacoli, visto che hanno anche loro i fili e che si bloccano in alcuni punti proprio come noi. Quindi possiamo sfruttare questo a nostro favore per avere un pochino di tempo per scappare. Tra i nemici troviamo varie creature della foresta e di una banda di banditi che ci danno la caccia. La pioggia è un’altro ostacolo, infatti in un determinato punto in cui dobbiamo utilizzare la fiaccola dobbiamo fare in modo che la pioggia non la spenga.

Indie Arena Booth

Narratore

Jack è una sorta di narratore, il burattinaio, che commenta e racconta la storia , ogni colpo della nosra Abby andato a segno e ogni pericolo che affrontiamo. Ogni frase di Jack è in rima e anche se i sottotitoli non hanno lo stesso effetto del parlato, sono ben fatti. L’audio in inglese non è affatto male. Jack è una trovata che riesce ad aggiungere il giusto spessore alla narrativa e al gioco.

Conclusione

Gli ambienti vanno da tramonti tinti di rosso a paludi tetre e cittadine piene di personaggi ostili. Le animazioni sono ben fatte e non è stato lasciato nulla al caso. Fulmini, mele lanciate, incendi e altro. L’attenzione ai dettagli è eccezionale. Buono anche il sonoro degli ambienti e le piccole musiche che ci accompagnano nei momenti piu movimentati. Ogni situazione che incontriamo in A Juggler’s Tale è unica, i puzzle sono tutti diversi cosi come le scene. Le meccaniche sono sempre diverse e riescono a sorprenderci sempre. Il punto forte del gioco è l’atmosfera. Non ci sono missioni extra da fare dopo aver terminato il gioco ma possiamo riiocare i capitoli come vogliamo. Peccato per la longevità e per le poche sezioni, avrei preferito ci fosse qualche sfida extra da risovere. Nell’insieme è un bel gioco con un interessante modalità di racconto, un buon mix tra narrativa e gameplay.

A Juggler’s Tale è disponibile per Nintendo Switch, PC, PlayStation 5 e Xbox One.

 

Giovanna

Sono appassionata di videogames, gioco da circa 13 anni, possiedo tutte le console,amo i giochi che riescono a coinvolgermi e sono impegnativi, tra i miei preferiti c'è Zelda, Assassin creed e Uncharted. Amo serie tv e film soprattutto horror, sono appassionata di libri horror, thriller e fantasy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.